Generali Group

          dove siamo

                                   

          06 dicembre 2018 - 13:30

          Oltre la filantropia

          In che modo le grandi aziende affrontano il tema della sostenibilità

          "La filantropia ha un suo ruolo da svolgere, ma questo non dovrebbe essere un sostituto delle pratiche sostenibili. Per un'azienda, il rischio principale di non essere sostenibile è l'erosione della fiducia e un danno al marchio”.

           

          Georg Kell è il fondatore ed ex direttore esecutivo del Global Compact delle Nazioni Unite. Si è ritirato nel 2015, dopo oltre 25 anni di servizio alle Nazioni Unite. In questa intervista spiega come le grandi aziende stiano affrontando il tema della sostenibilità e perché questa "sia diventata un presupposto necessario per la sopravvivenza e la crescita".

          La parola "sostenibilità" è il nuovo mantra. I programmi di Responsabilità sociale dimpresa sono ora integrati nelle strategie delle grandi aziende. C'è ancora molta strada da fare?

          Da un lato, abbiamo visto enormi progressi. Venti anni fa, le aziende non si preoccupavano molto delle questioni relative al posto di lavoro nella supply chain, delle emissioni di gas serra o della lotta alla corruzione. Oggi la maggior parte delle aziende ha in atto politiche per questi problemi e divulgano le relative informazioni pertinenti. D'altro canto, troppe società operano ancora sulla premessa esclusiva dei rendimenti a breve termine, indipendentemente dall'impatto ambientale o sociale. E dato l'imperativo di decarbonizzare le economie, chiaramente i progressi finora non sono stati sufficienti e c'è ancora molto da fare.

           

          Le grandi aziende hanno capito che la sostenibilità è diventata conveniente per le imprese?

          La sostenibilità è diventata una precondizione necessaria per la sopravvivenza e la crescita. Molte aziende hanno dovuto imparare questo nel modo più difficile, ad esempio in una situazione di crisi che ha minacciato il loro marchio. Altre lo hanno scoperto passo dopo passo: una buona gestione ambientale e sociale basata su valori e una sana etica vanno di pari passo con il successo finanziario. Il business case per la sostenibilità è emerso gradualmente mentre le condizioni generali per il successo del mercato sono cambiate nel tempo e continuano a farlo.

           

          Come sono cambiate queste condizioni generali?

          In primo luogo, la tecnologia e l'aumento della trasparenza implicano un vantaggio in termini di comportamento proattivo e di divulgazione. In secondo luogo, le risorse naturali di qualsiasi tipo sono destinate ad aumentare nel tempo il loro valore, premiando così una buona e reattiva gestione. In terzo luogo, i cambiamenti di governance implicano, tra le varie cose, che un comportamento reattivo nei confronti degli stakeholder e delle persone rappresenti un approccio vincente per creare fiducia.

           

          Al giorno d'oggi quali sono i principali costi del non essere sostenibili?

          Oltre alle multe punitive che sono notevolmente aumentate negli ultimi anni in molti paesi, il rischio principale è l'erosione della fiducia e un danno al marchio. Basti ricordare la storia di Nike e la crisi che ha affrontato alla fine degli anni '90 a causa delle sue cattive pratiche di lavoro nella catena di fornitori, la fuoriuscita di petrolio in acque profonde di BP, lo scandalo di corruzione di Siemens e, più recentemente, i dispositivi di frode di VW. Il punto interessante è che le crisi spesso offrono opportunità uniche per le aziende di reinventarsi e di imparare dagli errori. Imparare le lezioni giuste in definitiva significa emergere più forti e più adatti al futuro. In tutte le esperienze di apprendimento di successo emerse da situazioni di crisi, per quanto ne so, la sostenibilità è stata un fattore chiave.

           

          Possiamo dire che le grandi imprese sono già oltre la filantropia?

          Non ancora. Ci sono ancora alcune aziende che credono di soddisfare le aspettative della società attraverso la filantropia, indipendentemente da come e cosa producono. Ma questo tipo di pensiero sta rapidamente scomparendo e la stessa filantropia viene sempre più ridefinita in linea con le attività di core business. E, naturalmente, la filantropia ha un suo ruolo da svolgere, ma questo non dovrebbe essere un sostituto delle pratiche sostenibili. Riguardo all'etica, credo che le questioni di "giusto" e "sbagliato" saranno sempre al centro della sostenibilità. Man mano che le condizioni della struttura cambiano, le domande su ciò che è giusto e ciò che è sbagliato saranno sempre al centro del processo decisionale e della ricerca di soluzioni per situazioni di dubbio.

           

          La reputazione è la nuova stella polare?

          Reputazione e scopo, sì. Ci stiamo muovendo verso un'era post-industriale in cui i beni intangibili influenzano sempre più la valutazione. Gran parte delle metriche che usiamo oggi si basano su un concetto di scala e di portata dell'era industriale in cui le questioni ambientali, sociali e di governance erano considerate esternalità e semplicemente non si presentavano nei registri contabili. Ma oggi sappiamo che queste questioni hanno sempre più rilevanza materiale. In effetti, vi è ora una forte evidenza empirica che mostra una travolgente correlazione tra fattori ESG (environmental, social, and governance) e il successo finanziario. Poiché questi fattori hanno una relazione diretta con la reputazione e sono connessi allo scopo dell'azienda, ora c'è un rinnovato interesse per questa nuova stella polare.

           

          I 17 SDG delle Nazioni Unite rappresentano un punto di riferimento mondiale per le grandi aziende. Ma essendo gli SDG così tanti e così diversi il rischio è che ogni azienda possa adattare alcuni di loro ai propri bisogni, scegliendo ciascuna quello più conveniente per sé.

          Tale rischio esiste scegliendo "à la carte", ignorando le questioni fondamentali come i diritti umani e la value chain, le condizioni sul posto di lavoro o la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra. Ma le aziende che capiscono che la sostenibilità è più di un’attività di public advocacy useranno gli SDG non come sostituto delle proprie performance di sostenibilità, ma piuttosto come complemento per connettersi con obiettivi sociali e di sviluppo più ampi. Pertanto, gli SDG rappresentano un'opportunità per allineare l'obiettivo aziendale con obiettivi più ampi per formare partnership con i pari e con le organizzazioni della società civile.

           

          Le piccole e medie imprese (PMI) hanno fatto proprie le 17 SDG o c'è ancora molta strada da fare?

          Molte PMI hanno prestazioni di sostenibilità formidabili, anche se non lo comunicano. Molti proprietari di PMI pensano a lungo termine e agiscono nel migliore interesse dei propri dipendenti e sono coscienti del loro ruolo nelle comunità. È vero che le PMI spesso mancano di capacità organizzative per codificare le azioni pertinenti e per comunicarle e spesso lamentano che mancano le risorse per farlo. Ma in realtà non è difficile per gli amministratori delegati delle PMI riflettere sui temi della sostenibilità, discuterli con i loro dipendenti su base regolare e fissare obiettivi ambiziosi. Con un po’ di pragmatismo e buone intenzioni, le PMI possono facilmente trovare un modo per supportare gli SDG.

           

          Come fondatore del Global Compact, è ottimista sul raggiungimento degli obiettivi dell'Agenda 2030?

          Naturalmente c'è sempre il rischio che i responsabili politici causino sofferenza ed è certamente vero che in molte parti del mondo c'è una mancanza di leadership politica. Ma ci sono cambiamenti guidati dal mercato. L'imprenditorialità e la tecnologia hanno già apportato miglioramenti senza precedenti a un gran numero di persone in tutti i continenti. Mai prima d'ora abbiamo avuto i mezzi a nostra disposizione per risolvere quasi tutte le sfide, porre fine alla povertà, decarbonizzare le economie e creare nuove forme di creatività umana. I leader aziendali prendono sempre più spesso posizione individualmente, cercando di spostare l’ago della bilancia. Come l'amministratore delegato di Alcantara, Andrea Boragno, che, in collaborazione con l'Università Internazionale di Venezia, dedica tempo e sforzi per diffondere le migliori pratiche sull'azione per il clima. Ciò che davvero mi entusiasma in questi giorni è che la finanza sta finalmente integrando le questioni ESG nelle sue analisi e prende decisioni con nuovi strumenti basati sui big data e la machine learning, come Arabesque S-Ray. La combinazione di sostenibilità aziendale e investimenti sostenibili promette di accelerare notevolmente la trasformazione del mercato verso soluzioni più pulite, intelligenti e incentrate sulle persone e quindi di promuovere gli SDG.