Generali Group

          dove siamo

                                   

          29 novembre 2017 - 18:00

          Verso un futuro sostenibile

          Quali sono gli ultimi 9 Obiettivi di sviluppo sostenibile

          Nel 2015 la comunità internazionale ha sottoscritto in sede ONU l’Agenda 2030 per un nuovo approccio allo sviluppo che dovrebbe guidare politiche “sostenibili” a livello nazionale, regionale e globale nei prossimi 15 anni.

          Gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17. Questi sono gli ultimi 9.

          Obiettivo 9: Costruire un'infrastruttura resiliente e promuovere l'innovazione ed una industrializzazione equa, responsabile e sostenibile

           

          Gli investimenti in infrastrutture – trasporti, irrigazione, energia e tecnologie dell’informazione e della comunicazione – sono cruciali per realizzare lo sviluppo sostenibile e per rafforzare le capacità delle comunità in molti paesi.

           

          • Sviluppare infrastrutture di qualità, affidabili, sostenibili e resilienti.
          • Promuovere un'industrializzazione inclusiva e sostenibile e aumentare le quote di occupazione nell'industria e il Pil.
          • Incrementare l'accesso delle piccole imprese industriali e non ai servizi finanziari.
          • Migliorare le infrastrutture e riconfigurare in modo sostenibile le industrie, aumentando l'efficienza nell'utilizzo delle risorse e adottando tecnologie e processi industriali più puliti e sani per l'ambiente.
          • Aumentare la ricerca scientifica, migliorare le capacità tecnologiche e innovative del settore industriale in tutti gli stati, in particolare nei Pvs.

          Obiettivo 10: Ridurre l'ineguaglianza all'interno di e fra le Nazioni

           

          Ci sono progressi significativi per sottrarre le persone alla povertà, ma l’ineguaglianza persiste e rimangono grandi disparità di accesso alla sanità, all’educazione e ad altri servizi.

           

           

          • Raggiungere e sostenere la crescita del reddito del 40% della popolazione nello strato sociale più basso.
          • Promuovere l’inclusione sociale, economica e politica.
          • Assicurare pari opportunità e ridurre le disuguaglianze eliminando leggi, politiche e pratiche discriminatorie e promuovendo legislazioni appropriate.
          • Adottare politiche fiscali, salariali e di protezione sociale.
          • Migliorare la regolamentazione e il monitoraggio di istituzioni e mercati finanziari globali.
          • Assicurare una migliore rappresentanza nelle istituzioni responsabili delle decisioni in materia di economia e finanza globale e internazionale.
          • Rendere più disciplinate, sicure, regolari e responsabili la migrazione e la mobilità delle persone.
          • Inoltre: attuare il principio del trattamento speciale e differente riservato ai Pvs, incoraggiare l’aiuto pubblico allo sviluppo e i flussi finanziari e ridurre a meno del 3% i costi di transazione delle rimesse dei migranti.

          Obiettivo 11: Rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili

           

          Le città sono centri per nuove idee, per il commercio, la cultura, la scienza, la produttività, lo sviluppo sociale ma persistono molte sfide per mantenere i centri urbani come luoghi di lavoro e prosperità che allo stesso tempo non danneggino il territorio e le risorse.

          • Garantire alloggi adeguati e servizi e Riqualificare i quartieri poveri.
          • Garantire accesso a un sistema di trasporti sicuro, conveniente e sostenibile.
          • Potenziare un’urbanizzazione inclusiva e sostenibile.
          • Proteggere e salvaguardare il patrimonio culturale e naturale del mondo.
          • Ridurre il numero di decessi e le perdite economiche causate da calamità.
          • Ridurre l’impatto ambientale (qualità dell’aria, gestione rifiuti urbani etc..).
          • Fornire accesso universale a spazi verdi e pubblici sicuri, inclusivi e accessibili.

          Obiettivo 12: Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo

           

          Per consumo e produzione sostenibili si intende la promozione dell'efficienza delle risorse e dell'energia, di infrastrutture sostenibili, la garanzia dell’accesso ai servizi di base, a lavori dignitosi e rispettosi dell’ambiente e a una migliore qualità di vita per tutti.

           

           

          • Attuare il “Quadro Decennale di Programmi per il Consumo e la Produzione Sostenibili”.
          • Raggiungere la gestione sostenibile e l’utilizzo efficiente delle risorse naturali.
          • Dimezzare lo spreco alimentare globale.
          • Raggiungere la gestione eco-compatibile di sostanze chimiche e di tutti i rifiuti.
          • Ridurre in modo sostanziale la produzione di rifiuti con riduzione, riciclo e riutilizzo.
          • Incoraggiare le imprese, in particolare le grandi aziende multinazionali, ad adottare pratiche sostenibili.
          • Promuovere pratiche sostenibili in materia di appalti pubblici.
          • Accertarsi che tutte le persone abbiano le informazioni e la consapevolezza dello sviluppo sostenibile e di uno stile di vita in armonia con la natura.

          Obiettivo 13: Promuovere azioni, a tutti i livelli, per combattere il cambiamento climatico

           

          Il cambiamento climatico interessa i paesi di tutti i continenti. Sconvolge le economie nazionali, con costi oggi che saranno ancora più gravi un domani.

           

           

           

          • Rafforzare la capacità di ripresa e di adattamento ai rischi legati al clima e ai disastri naturali.
          • Integrare le misure di cambiamento climatico nella pianificazione nazionale.
          • Migliorare l’istruzione, la sensibilizzazione e la capacità umana e istituzionale per quanto riguarda la mitigazione del cambiamento climatico, l’adattamento, la riduzione dell’impatto e l’allerta tempestiva.
          • Rendere effettivo l’impegno assunto verso la Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico, che prevede la mobilizzazione – entro il 2020 – di 100 miliardi di dollari all’anno da indirizzare ai Pvs.

          Obiettivo 14: Conservare e utilizzare in modo durevole gli oceani, i mari e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile

           

          Gli oceani del mondo - la loro temperatura, la loro composizione chimica, le loro correnti e la loro vita - influenzano i sistemi globali che rendono la Terra un luogo vivibile per il genere umano.

           

          • Entro il 2025, prevenire e ridurre in modo significativo ogni forma di inquinamento marino.
          • Entro il 2020, gestire in modo sostenibile e proteggere l’ecosistema marino e costiero per evitare impatti particolarmente negativi.
          • Ridurre al minimo e affrontare gli effetti dell’acidificazione degli oceani.
          • Entro il 2020, regolare in modo efficace la pesca e porre termine alla pesca eccessiva, illegale, non regolamentata e ai metodi di pesca distruttivi.
          • Entro il 2020, preservare almeno il 10% delle aree costiere e marine.
          • Entro il 2020, vietare quelle forme di sussidi alla pesca che contribuiscono a un eccesso di capacità e alla pesca eccessiva.
          • Entro il 2030, aumentare i benefici economici dei piccoli stati insulari e dei Pvs.
          • Aumentare inoltre la conoscenza scientifica e sviluppare la ricerca.

          Obiettivo 15: Proteggere, ripristinare e favorire un uso sostenibile dell’ecosistema terrestre

           

          Tredici milioni di ettari di foreste vanno perse ogni anno, mentre il persistente deterioramento dei terreni ha portato alla desertificazione di 3,6 miliardi di ettari.

           

           

          • Entro il 2020, garantire la conservazione, il ripristino e l’utilizzo sostenibile degli ecosistemi di acqua dolce terrestri e dell’entroterra nonché dei loro servizi.
          • Entro il 2020, promuovere una gestione sostenibile di tutti i tipi di foreste.
          • Combattere la desertificazione e ripristinare le terre degradate.
          • Garantire la conservazione degli ecosistemi montuosi.
          • Intraprendere azioni per ridurre il degrado degli ambienti naturali e arrestare la distruzione della biodiversità. Entro il 2020, proteggere le specie a rischio.
          • Promuovere una distribuzione equa e giusta dei benefici derivanti dall’utilizzo delle risorse genetiche.
          • Porre fine al bracconaggio e al traffico delle specie protette di flora e fauna.
          • Entro il 2020 introdurre misure per prevenire l’introduzione di specie diverse.
          • Entro il 2020 integrare i principi di ecosistema e biodiversità nei progetti nazionali e locali.

          Obiettivo 16: Pace, giustizia e istituzioni forti

           

          Promozione di società pacifiche ed inclusive ai fini dello sviluppo sostenibile. Accesso universale alla giustizia. Costruire istituzioni responsabili ed efficaci.

           

           

           

          • Ridurre tutte le forme di violenza e il tasso di mortalità ad esse correlato.
          • Porre fine all’abuso, allo sfruttamento, al traffico di bambini.
          • Promuovere lo stato di diritto a livello nazionale e internazionale.
          • Ridurre in maniera significativa il finanziamento illecito e il traffico di armi.
          • Ridurre sensibilmente la corruzione e gli abusi di potere in tutte le loro forme.
          • Sviluppare a tutti i livelli istituzioni efficaci, responsabili e trasparenti.
          • Garantire un processo decisionale responsabile, partecipativo e rappresentativo.
          • Allargare la partecipazione dei Pvs nelle istituzioni di governance globale.
          • Fornire identità giuridica per tutti, inclusa la registrazione delle nascite.
          • Garantire un pubblico accesso all’informazione.

          Obiettivo 17: Rafforzare i mezzi di attuazione e rinnovare il partenariato mondiale per lo sviluppo sostenibile

           

          Per avere successo, l’agenda per lo sviluppo sostenibile richiede partenariati tra governi, settore privato e società civile.

          I traguardi entro il 2030 riguardano la partnership diffusa nei settori di: finanza, tecnologia, capacità di sviluppo, commercio.