Generali Group

          dove siamo

                                   

          27 novembre 2017 - 10:00

          Verso un futuro sostenibile

          Quali sono i primi 8 Obiettivi di sviluppo sostenibile

          Nel 2015 la comunità internazionale ha sottoscritto in sede ONU l’Agenda 2030 per un nuovo approccio allo sviluppo che dovrebbe guidare politiche “sostenibili” a  livello nazionale, regionale e globale nei prossimi 15 anni.

          Gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17. Questi sono i primi 8.

          Obiettivo 1: Porre fine ad ogni forma di povertà nel mondo

           

          836 milioni di persone vivono ancora in povertà estrema anche se gli indici si sono ridotti di più della metà dal 1990. Nelle aree in via di sviluppo una persona su cinque vive ancora con meno di 1,25 dollari al giorno. La povertà non è solo  mancanza di guadagno e  risorse ma anche  fame,  malnutrizione, accesso limitato all’istruzione e ai servizi di base, discriminazione e esclusione sociale.

           

          • Sradicare la povertà estrema, misurata sulla base di chi vive con meno di $ 1,25 al giorno.
          • Ridurre almeno della metà la quota di uomini, donne e bambini che vivono in povertà.
          • Sviluppare  a livello nazionale adeguati sistemi di protezione sociale e misure di sicurezza per tutti.
          • Uguali diritti economici, accesso ai servizi di base, proprietà privata, controllo su terreni e altre forme di proprietà, eredità, risorse naturali, nuove tecnologie appropriate e servizi finanziari.
          • Rafforzare la resilienza  di chi si trova  in situazioni di vulnerabilità.
          • Creare solidi quadri di riferimento politici a livello nazionale, regionale e internazionale, basati su strategie di sviluppo a favore dei poveri e attenti alla parità di genere.

          Obiettivo 2: Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare l’alimentazione e promuovere un’agricoltura sostenibile

           

          Per  via del degrado ambientale è necessario un cambiamento profondo nel sistema mondiale agricolo (che nel secolo scorso ha perso il 75% della varietà delle colture)  per  nutrire 795 milioni di persone che oggi soffrono la fame.

           

           

          • Porre fine alla fame e garantire un accesso sicuro a cibo nutriente e sufficiente.
          • Porre fine a tutte le forme di malnutrizione.
          • Raddoppiare la produttività agricola e il reddito dei produttori di cibo su piccola scala.
          • Garantire sistemi di produzione alimentare sostenibili.
          • Mantenere la diversità genetica delle sementi, delle piante coltivate, degli animali da allevamento e domestici e delle specie selvatiche.

          Obiettivo 3: Assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età

           

          Sebbene molti progressi  confortanti (accesso all’acqua pulita e all’igiene, riduzione di malaria, tubercolosi, poliomielite e della diffusione dell’HIV/AID) ogni  anno continuano a morire più di sei milioni di bambini prima del compimento del quinto anno d’età. La salute in sé non basta.

           

           

          • Ridurre il tasso di mortalità materna globale.
          • Por fine alle epidemie di AIDS, tubercolosi, malaria e malattie tropicali trascurate.
          • Garantire l'accesso universale ai servizi di assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva.
          • Entro il 2020, dimezzare il numero globale di morti e feriti per incidenti stradali.
          • Sostenere la ricerca e lo sviluppo di vaccini e farmaci e aumentare i fondi destinati alla sanità e alla selezione, formazione, sviluppo e mantenimento del personale sanitario nei Paesi in via di sviluppo

          Obiettivo 4: Fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva e opportunità di apprendimento per tutti

           

          Un’istruzione di qualità è la base per migliorare la vita delle persone e raggiungere lo sviluppo sostenibile. L’iscrizione nelle scuole primarie nei Paesi in via di sviluppo ha raggiunto il 91%, ma 57 milioni di bambini ne sono ancora esclusi. Il  50% dei bambini in età per ricevere l’istruzione primaria ma che non frequenta vive in zone di conflitto.

           

          • Garantire ad ogni ragazza e ragazzo libertà, equità e qualità nel completamento dell'educazione primaria e secondaria
          • Garantire entro il 2030 ad ogni donna e uomo un accesso equo ad un’istruzione tecnica, professionale e terziaria anche universitaria
          • Eliminare  le disparità di genere nell'istruzione
          • Espandere  entro il 2020 a livello globale il numero di borse di studio nei Pvs

          Obiettivo 5: Raggiungere l’uguaglianza di genere ed emancipare donne e ragazze

           

          Nonostante i progressi nella parità di genere e nell’emancipazione, le donne, continuano a subire discriminazioni e violenze in ogni parte del mondo.

           

           

           

           

          • Porre fine a ogni forma di discriminazione nei confronti di donne e ragazze.
          • Eliminare la violenza verso donne e bambine, nella sfera privata e  pubblica.
          • Eliminare pratiche  come matrimonio combinato, spose bambine e mutilazioni genitali femminili.
          • Riconoscere e valorizzare la cura e il lavoro domestico non retribuito.
          • Garantire piena ed effettiva partecipazione femminile e pari opportunità di leadership ad ogni livello decisionale nell’ambito della vita pubblica.
          • Garantire accesso universale alla salute sessuale e riproduttiva. Promuovere  la promozione della parità di genere e l'emancipazione di tutte le donne e bambine, a tutti i livelli.

          Obiettivo 6: Garantire a tutti la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e delle strutture igienico-sanitarie

           

          A causa di infrastrutture scadenti o cattiva gestione economica, ogni anno milioni di persone, in gran parte bambini, muoiono per malattie dovute ad approvvigionamento d’acqua, servizi sanitari e livelli d’igiene inadeguati mentre la siccità colpisce alcuni dei Paesi più poveri del mondo, aggravando fame e malnutrizione.

           

          • Ottenere l’accesso universale ed equo all'acqua potabile.
          • Ottenere  l'accesso ad impianti sanitari e igienici adeguati ed equi per tutti.
          • Migliorare  la qualità dell'acqua.
          • Aumentare considerevolmente  l'efficienza nell'utilizzo dell'acqua.
          • Favorire una gestione delle risorse idriche integrata a tutti i livelli.
          • Proteggere e risanare gli ecosistemi legati all'acqua, comprese le montagne, le foreste, le paludi, i fiumi, le falde acquifere e i laghi.

          Obiettivo 7: Assicurare a tutti l’accesso a sistemi di energia economici, affidabili, sostenibili e moderni

           

          L’energia è un elemento centrale per quasi tutte le sfide e le opportunità più importanti che il mondo si trova oggi ad affrontare ma oggi ancora una persona su cinque non ha accesso a moderni mezzi elettrici.

           

           

          • Garantire  accesso a servizi energetici che siano convenienti, affidabili e moderni.
          • Aumentare  la quota di energie rinnovabili nel consumo totale di energia.
          • Raddoppiare  il tasso globale di miglioramento dell’efficienza energetica.
          • Accrescere la cooperazione internazionale per facilitare l’accesso alla ricerca e alle tecnologie legate all’energia pulita.
          • Sviluppare le infrastrutture e migliorare le tecnologie per fornire servizi energetici moderni e sostenibili.

          Obiettivo 8: Incentivare una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva ed un lavoro dignitoso per tutti

           

          Più o meno la metà della popolazione mondiale vive ancora con l’equivalente di circa due dollari al giorno e in molti luoghi, avere un lavoro non garantisce la possibilità di sottrarsi alla povertà.

           

           

          • Sostenere la crescita economica pro capite in conformità alle condizioni nazionali, e in particolare una crescita annua almeno del 7% del Pil nei Pvs.
          • Raggiungere standard più alti di produttività economica attraverso la diversificazione, il progresso tecnologico e l’innovazione.
          • Promuovere politiche orientate allo sviluppo, che supportino le attività produttive, la creazione di posti di lavoro dignitosi, l’imprenditoria, la creatività e l’innovazione, e che incoraggino la formalizzazione e la crescita delle piccole-medie imprese, anche attraverso l’accesso a servizi finanziari.
          • Migliorare progressivamente l’efficienza globale nel consumo e nella produzione di risorse e tentare di scollegare la crescita economica dal degrado ambientale.
          • Garantire entro il 2030 un’occupazione piena e produttiva e un lavoro dignitoso per donne e uomini.
          • Ridurre entro il 2030 la quota di giovani disoccupati.
          • Prendere provvedimenti immediati ed effettivi per sradicare il lavoro forzato, porre fine alla schiavitù moderna e alla tratta di esseri umani.
          • Proteggere il diritto al lavoro e promuovere un ambiente lavorativo sano e sicuro.
          • Concepire e sviluppare un turismo sostenibile che crei lavoro e promuova la cultura e i prodotti locali.
          • Rafforzare la capacità degli istituti finanziari interni per incoraggiare e aumentare l’utilizzo di servizi bancari, assicurativi e finanziari per tutti.
          • Aumentare il sostegno al commercio nei Pvs.
          • Sviluppare e rendere operativa una strategia globale per l’occupazione giovanile.