Market Perspectives

  • 01 mag 2024

    The last mile of Fed repricing

    3 mb

  • 01 mar 2024

    Bifurcation

    3 mb

  • 01 feb 2024

    Risk premia erosion

    3 mb

  • 01 dic 2023

    Siren calls

    3 mb

  • 01 set 2023

    A deepening policy dilemma

    3 mb

  • 01 ago 2023

    Tricky last mile(s)

    3 mb

  • 01 giu 2023

    Mind the gap(s)

    2 mb

  • 01 mag 2023

    Laws of gravity

    3 mb

  • 01 mar 2023

    Unfinished jobs

    5 mb

  • 01 feb 2023

    Divergent perspectives

    3 mb

  • 01 dic 2022

    Chasing the bandwagon?

    3 mb

  • 02 nov 2022

    Third time lucky?

    3 mb

  • 01 set 2022

    Tightening pain

    3 mb

  • 01 ago 2022

    Climbing a wall of worries? It is very slippery

    3 mb

  • 01 giu 2022

    Walking the talk, for now

    3 mb

  • 01 mag 2022

    The hour of the hawks

    3 mb

  • 30 mar 2022

    Mission Impossible

    3 mb

  • 31 gen 2022

    The Fed has left the party

    2 mb

  • 30 nov 2021

    It’s not over till it’s over

    2 mb

  • 05 nov 2021

    Supply shock = central banks’ headache

    3 mb

  • 01 set 2021

    A stony path to normality

    3 mb

  • 28 lug 2021

    Overfretting about the triple peak

    3 mb

  • 01 giu 2021

    Monetary balancing acts

    3 mb

  • 03 mag 2021

    Grand Reopening

    2 mb

  • 02 mar 2021

    Reflation boon and bane

    3 mb

  • 01 feb 2021

    Choppy, not murky

    3 mb

  • 01 dic 2020

    A shot in the arm

    3 mb

  • 01 set 2020

    Covid paralysis recedes as political risk rises

    3 mb

  • 03 ago 2020

    Enjoy summer while it lasts

    2 mb

  • 01 giu 2020

    Economic Hardship vs. Policy Deluge

    3 mb

  • 30 apr 2020

    Limping out of the lockdown

    2 mb

  • 28 feb 2020

    Viral uncertainties

    3 mb

  • 31 gen 2020

    (Vir)alteration of investor optimism

    2 mb

Punto focale

  • 16 set 2021

    Chinese regulatory crack-down: consequences for investors

    3 mb

  • 13 set 2021

    German election: What is at stake?

    356 kb

  • 27 ago 2021

    Going public: Central banks’ digital currency ambitions

    439 kb

  • 28 lug 2021

    ECB greening of the credit market to start in 2022

    460 kb

  • 01 lug 2021

    China: Tackling the “Grey Rhinos”

    467 kb

  • 01 giu 2021

    EM Vulnerabilities Monitor: a new tool to gauge post-pandemic risks

    256 kb

  • 19 mag 2021

    Inflation woes and a dovish Fed drive long rates up

    311 kb

  • 30 mar 2021

    Inflation expectations remain anchored

    381 kb

  • 05 mar 2021

    Oil: strong, but not permanent price increase

    256 kb

  • 17 feb 2021

    Euro area inflation: recovering, not exploding

    569 kb

  • 05 feb 2021

    Vaccines to trigger uneven recoveries from Covid

    244 kb

  • 21 gen 2021

    US inflation: rising, not soaring

    258 kb

  • 14 gen 2021

    Equities: stay positive with a value-cyclical tilt

    282 kb

  • 17 nov 2020

    European defaults likely to stay low

    695 kb

  • 13 nov 2020

    US: Split government not toothless on growth

    627 kb

  • 09 ott 2020

    US election: known and unkown uncertainties

    407 kb

  • 21 set 2020

    Equities: positive returns ahead despite challenges

    678 kb

  • 17 set 2020

    Taking monetary policy to yet another level

    504 kb

  • 14 lug 2020

    Inflation still a distant threat in the post-Covid world

    309 kb

  • 06 lug 2020

    Focal Point Brexit: Painful negotiations with a modest result ahead

    664 kb

  • 19 giu 2020

    Covid-19: proprietary models set to monitor pandemic evolution

    729 kb

  • 28 mag 2020

    State-aid framework under Covid: what impact on credit markets?

    840 kb

  • 18 mag 2020

    The deep economic fallout from global distancing

    381 kb

  • 11 mag 2020

    German CC ruling: How much pain for the ECB?

    596 kb

  • 08 mag 2020

    The oil price plunge will reshape the energy market

    393 kb

  • 27 apr 2020

    The Dutch pension fund industry reform proposal

    671 kb

  • 20 feb 2020

    Spain: Headwinds ahead but Bonos to stay solid

    580 kb

  • 30 gen 2020

    The Corona virus: What to expect?

    216 kb

  • 28 gen 2020

    US outlook: a soft landing supported by the Fed

    563 kb

  • 25 feb 2019

    Germany: Rock in the wind or blown into recession?

    549 kb

  • 22 feb 2019

    US yields capped as Fed takes note of limited market tolerance

    302 kb

  • 21 feb 2019

    Brexit: A bumpy road but we favor a benign outcome

    629 kb

  • 12 dic 2018

    The Fed in 2019: more data-driven, not yet pausing

    423 kb

  • 11 dic 2018

    Core Matters: The economic and financial impact of demographics

    703 kb

  • 26 ott 2018

    Runoff in Brazil: Bolsonaro to win, but hard job ahead

    467 kb

  • 12 ott 2018

    The fall-out of a Crash Brexit

    461 kb

  • 10 ott 2018

    “R-star”: less cherished, but still useful

    359 kb

  • 13 set 2018

    Core Matters: How do assets perform in a maturing business cycle?

    413 kb

  • 13 set 2018

    Core Matters: How do assets perform in a maturing business cycle?

    415 kb

  • 11 set 2018

    China: How much cooling is Beijing likely to tolerate?

    645 kb

  • 08 ago 2018

    ECB: End of QE brings reinvestment policy into focus

    428 kb

  • 01 ago 2018

    Greece: Ready for the next challenges after bailout exit

    373 kb

  • 01 ago 2018

    High noon in Brexit negotiations

    458 kb

  • 26 feb 2018

    The Fed to hike rates at least three times in 2018

    547 kb

  • 16 feb 2018

    Italian election: Not that threatening anymore

    490 kb

  • 09 feb 2018

    European Safe Bonds: An ambitious project

    291 kb

  • 22 dic 2017

    Demand and output cuts to support prices in 2018

    451 kb

  • 30 nov 2017

    Despite tough Brexit talks, UK yields to rise slowly

    527 kb

  • 28 nov 2017

    Higher equity valuations increase short term risk

    377 kb

  • 28 nov 2017

    Higher equity valuations increase short term risk

    377 kb

  • 27 ott 2017

    ECB tapering to support upward trend in yields

    464 kb

  • 11 ott 2017

    Markets' tax hopes to be tested in Congress

    451 kb

  • 29 set 2017

    Japanese equities: Topix to benefit from solid growth and weaker yen

    454 kb

  • 28 set 2017

    EA Corporate Bonds: Tougher times ahead

    550 kb

  • 26 set 2017

    China’s Party Congress to address key challenges

    492 kb

  • 25 set 2017

    Harm from Catalan referendum to prove temporary

    315 kb

  • 06 set 2017

    China’s capital flows back to more stability

    622 kb

  • 04 set 2017

    US Inflation: A slow awakening ahead

    426 kb

  • 30 ago 2017

    Macron’s reforms start being implemented

    638 kb

  • 11 ago 2017

    Mounting risks to EUR High Yield bonanza

    453 kb

  • 19 lug 2017

    Correction in Bund yields does not herald sell-off

    419 kb

  • 09 giu 2017

    Fed policy tightening still underpriced by markets

    260 kb

  • 06 giu 2017

    UK snap elections may fail to ease Brexit negotiations

    637 kb

  • 30 mag 2017

    Brazil: A bumpy road ahead but reform push is not dead

    439 kb

  • 26 mag 2017

    US trade policy: More barking than biting

    381 kb

  • 23 mag 2017

    US: Steady growth, but hopes of fiscal boost cool

    271 kb

  • 12 mag 2017

    Italy: Political risks unlikely to abate anytime soon

    315 kb

  • 05 mag 2017

    Macron’s election would lower political risk premium

    440 kb

  • 04 apr 2017

    French elections: What is at stake?

    427 kb

  • 31 mar 2017

    Brexit negotiations to start tough

    371 kb

  • 24 mar 2017

    Greece: No deal yet, but 2015-style crisis unlikely

    301 kb

  • 10 mar 2017

    Limited risks from Dutch election outcome

    547 kb

  • 08 mar 2017

    Accelerated US rate hikes ahead

    467 kb

  • 21 dic 2016

    Trumponomics and the case for higher US rates 21 December, 2016

    294 kb

  • 15 dic 2016

    BoJ to show commitment to its interest targets 15 December, 2016

    207 kb

  • 18 nov 2016

    Italian referendum: Future governability at stake 18 November, 2016

    489 kb

  • 09 nov 2016

    What is at stake with Trump as new US President? 9 November, 2016

    311 kb

  • 04 nov 2016

    US election: equity martet implications 4 November, 2016

    679 kb

  • 24 ott 2016

    Earnings growth to turn back into positive territory 24 October, 2016

    467 kb

  • 18 ott 2016

    China’s structural debt problem is still aggravating 18 October, 2016

    245 kb

  • 13 ott 2016

    Debt issuance cannot keep up with ECB purchases 13 October, 2016

    269 kb

  • 06 ott 2016

    Impacts of a European Financial Transaction Tax 6 October, 2016

    412 kb

  • 30 set 2016

    Oil prices: A mild rebound is in the cards 30 September, 2016

    641 kb

  • 16 set 2016

    ECB: Action postponed towards year-end 16 September, 2016

    527 kb

  • 06 set 2016

    US presidential elections: What is at stake? 6 September, 2016

    542 kb

  • 19 lug 2016

    Helicopter money: A viable policy tool? 19 July, 2016

    429 kb

  • 07 lug 2016

    US: The labor market continues to support growth 7 July, 2016

    598 kb

  • 22 giu 2016

    Spanish elections: Still long negotiations to follow 22 June, 2016

    270 kb

  • 10 giu 2016

    Brexit: The fallout on Europe 10 June, 2016

    411 kb

  • 30 mag 2016

    ECB to give new momentum to euro area credits 30 May, 2016

    321 kb

  • 17 mag 2016

    Greece: A pragmatic deal but only for the short term 17 May, 2016

    327 kb

  • 22 apr 2016

    Italy: Escape velocity not achieved yet 22 April, 2016

    329 kb

  • 18 apr 2016

    Japan's monetary policy: Next Bazooka imminent? 18 April, 2016

    461 kb

  • 30 mar 2016

    What's next for US inflation? 30 March, 2016

    556 kb

  • 17 mar 2016

    New ECB measures: A mixed bag for banks 17 March, 2016

    267 kb

  • 08 mar 2016

    ECB: Further easing steps ahead 8 March, 2016

    370 kb

  • 07 mar 2016

    Brexit: What is at stake? 7 March, 2016

    906 kb

  • 22 feb 2016

    Credit: Searching for value after recent market woes 22 February, 2016

    516 kb

  • 20 gen 2016

    Earnings outlook to favor EA equities

    419 kb

  • 05 gen 2016

    German growth to stay solid 5 January, 2016

    562 kb

OUTLOOK

  • 18 dic 2019

    2020

    2 mb

  • 19 dic 2018

    2019

    3 mb

  • 13 dic 2017

    2018

    2 mb

  • 19 dic 2016

    2017

    2 mb

  • 01 dic 2015

    2016

    3 mb

Working papers

  • 20 dic 2017

    Business cycle and motor insurance profitability: evidence for Italy

    805 kb

  • 20 dic 2017

    What causes insurance fraud? Evidence on motor third part liability in Italian provinces

    596 kb

  • 28 set 2016

    We challenge the common wisdom that the income elasticity of insurance be higher, ceteris paribus, in developing countries (the so-called S-curve hypothesis). Focusing on non-life insurance, we show that the available evidence is contradictory and heavily dependent on methodology. Based on a recent approach to consistent inference on the income elasticity of insurance, we show counterexamples to the theory. Although not supporting it in general, we argue that it could still be relevant for explaining the behaviour of particular lines of business.

    373 kb

  • The development of Italian private pension plans shows little progress, in spite of generous fiscal incentives. We show that few subjects contribute and even fewer fully exploit the fiscal advantage. Our analysis underlines that in evaluating fiscal incentives Italian savers are influenced by a wide range of heuristics. So there is room for skillful public and private decision makers to reach the goal of increasing the private pension pillar taking advantage of the way people really take their decisions.

    2 mb

  • This paper analyses the impact of the evolution of the regulation dealing with systemically important insurance groups, using an event study methodology. The results show that investors were able to detect which companies were to be designated well ahead of the publication of the list. Most important, after an initial positive reaction, consistent with the expectation of a “Too-big-to-fail” implicit subsidy, the disclosure on how the capital charges for systemic insurers will be calculated led to sizeable negative abnormal returns for the entities concerned.

    2 mb

Studi di mercato

  • 08 lug 2019

    Il mercato assicurativo in Europa è stato condizionato dalla peculiare situazione economica che ha caratterizzato l'Area Euro ed in particolare dai bessi tassi di interesse. Gli elevati tassi minimi di rendimento nominale garantiti dalle polizze più vecchie hanno portato il settore assicurativo vita a rivedere le proprie politiche di offerta di prodotto favorendo le polizze Unit-Linked, il cui rischio finanziario è trasferito al contraente, a scapito dei prodotti tradizionali. In questo periodo caratterizzato da rendimenti finanziari quasi trascurabili, e da un quadro macroeconomico ormai prossimo alla stagnazione, i rami Danni sono riusciti a trainare la crescita del settore assicurativo, sia in termini di fatturato che di redditività. La raccolta del settore assicurativo nel corso del 2018 in Italia è ritornata a crescere (+2,7%) superando i 140 miliardi. I premi del settore vita (lavoro diretto italiano), in crescita del 2,7%, hanno sfiorato i 106 miliardi. I prodotti ibridi “multiramo”, nonostante il deludente andamento dei mercati azionari nella seconda metà del 2018 che ha spinto gli assicurati a ricercare prodotti vita con maggiore garanzia di rendimenti, continuano ad essere il prodotto più venduto. In flessione la componente relativa alle “Unit-Linked” controbilanciata, almeno in parte, dall’aumento della componente tradizionale nonostante i tassi di rendimento dei titoli governativi continuino a mantenersi sui minimi livelli. Per il secondo anno consecutivo i rami danni presentano una raccolta in crescita: +2,7%. Al positivo andamento dei rami danni nel corso del 2018 ha contribuito il segmento auto che, dopo sei anni di flessione, è tornato finalmente a crescere (+1,5%) sostenuto pure dal ramo R.C. Auto (+0,6%). Continuano a crescere a ritmi sostenuti i rami non auto, +3,7% a fronte di un +2,7% e +1,5% osservati rispettivamente nel 2017 e 2016. Il gruppo Generali, con una raccolta premi del lavoro diretto di 24.202 milioni di euro ed una quota di mercato del 16,8%, si conferma il primo gruppo assicurativo in Italia.

    939 kb

  • 20 giu 2018

    Nel 2017 la raccolta complessiva nei Paesi dell’Europa centro-orientale è cresciuta a ritmi sostenuti; in calo o stabile sui medesimi livelli dello scorso esercizio, invece, quella dei Paesi occidentali. In Italia la raccolta del settore assicurativo nel 2017, in flessione per il secondo anno consecutivo (-2,2%), ha sfiorato i 140 miliardi. I premi del settore vita (lavoro diretto italiano) hanno superato di poco i 103 miliardi in flessione del 3,4%. Il perdurare dei tassi di rendimento dei titoli governativi ai minimi livelli ha penalizzato la domanda di prodotti assicurativi vita tradizionali con rendimento minimo garantito, che richiedono maggior patrimonializzazione (Solvency II) alle compagnie, orientandola verso prodotti di ramo III e multi-ramo (noti anche come “ibridi”). E’ tornata invece a crescere, dopo cinque anni di flessione, la raccolta del settore danni che è stata però condizionata dalla flessione nei premi del segmento auto (-0,7%) dove la concorrenza tra operatori ha continuato a farsi sentire, favorita pure dal positivo andamento tecnico del ramo che beneficia di una frequenza sinistri che si mantiene su livelli contenuti (ed in linea ormai con quelli europei) ed un costo medio dei sinistri in ulteriore, seppur lieve, contrazione. Il gruppo Generali, con una raccolta premi del lavoro diretto di 23.165 milioni di euro ed una quota di mercato del 16,6%, si conferma il primo gruppo assicurativo in Italia.

    683 kb

  • 16 giu 2017

    Nel 2016 la raccolta premi è stata positiva nella maggior parte dei Paesi Europei in cui Generali opera, ad eccezione dell’Austria che ha risentito della flessione nella raccolta vita. Se i rami Danni continuano a presentare tassi di crescita positivi in tutta Europa, trascinati dal segmento Auto il cui progressivo deterioramento tecnico ha costretto gli assicuratori a rivedere al rialzo i rinnovi tariffari, non altrettanto si può dire della raccolta Vita che è invece in calo pressoché ovunque con le sole eccezioni di Spagna, Francia ed Ungheria. La principale causa dell’andamento negativo del ramo Vita è da imputarsi principalmente al contesto macroeconomico, ed in particolare ai bassi tassi di interesse nei mercati europei “core”; inoltre l’andamento altalenante dei mercati finanziari non ha favorito lo spostamento dell’offerta verso i prodotti “Unit linked” che, seppur in crescita, non sono riusciti a controbilanciare l’andamento negativo dei prodotti tradizionali.

    880 kb

  • 17 giu 2016

    Nel 2015 la crescita, seppur debole, dell’economia europea favorita dalla ripresa della domanda interna ha avuto ripercussioni positive sul settore assicurativo in quasi tutti i Paesi europei. Per quanto riguarda l’assicurazione vita, in quasi tutti i Paesi dell’area dell’euro si è assistito a un rallentamento della crescita della raccolta condizionato dal contesto macroeconomico-finanziario caratterizzato da tassi di rendimento dei titoli di Stato molto bassi, soprattutto nei Paesi “core”, e dalle tensioni riemerse sui mercati finanziari gli ultimi mesi del 2015 che hanno riorientato la domanda dalle polizze linked verso i prodotti tradizionali. In controtendenza la Spagna, che dopo anni di crescita negativa è riuscita a riportare la crescita dei premi vita in territorio positivo, grazie all’incremento della vendita di polizze di puro rischio che, spinta dalla ripresa del mercato immobiliare, è aumentata del 7,6%.

    788 kb

  • 30 giu 2015

    Nel 2014 i primi segnali di miglioramento dell'economia e le favorevoli condizioni finanziarie hanno favorito la raccolta e la profittabilità del settore assicurativo in quasi tutti i paesi europei. In Italia la raccolta complessiva ha raggiunto il massimo storico, oltre 150 miliardi. Secondo le stime dell'ANIA, circa un terzo dei nuovi contratti emessi nel 2014 è riferito a prodotti ibridi, che combinano garanzie parziali su capitale e rendimento con prodotti linked, la cui proporzione può variare nel tempo. Nei rami danni, la contrazione della raccolta è stata determinata dalla riduzione del 7% dei premi RC Auto, conseguenza di una frequenza sinistri al minimo storico e di costi medi stazionari.

    6 mb

  • 30 giu 2014

    Nel 2013 il settore assicurativo europeo ha registrato risultati tutto sommato positivi. La crescita dei premi è stata superiore all'anno precedente nel ramo vita; la performance del ramo danni, in termini di variazione percentuale, è stata invece in media in linea con quella del 2012. In Italia, nel 2013 la raccolta complessiva è cresciuta del 13,3%. In particolare, i premi vita (lavoro diretto italiano) sono cresciuti del 22,5%; positivo pure il dato relativo ai premi di nuova produzione vita (pubblicati dall’ANIA e relativi alle imprese italiane e UE) che nel 2013 sono aumentati del 31,3%.

    6 mb

  • 28 giu 2013

    L’incerta situazione dell’economia europea e dei mercati finanziari ha inciso pe-santemente sull’andamento dell’industria assicurativa nel 2011. La raccolta dei rami vita si è indebolita fortemente rispetto all’anno precedente in tutti i princi-pali mercati europei. Pesa su questo risultato, in primo luogo, l’indebolimento del-la capacità di risparmio delle famiglie osservata in molti paesi. A ciò si aggiunge il calo dei rendimenti garantiti dei prodotti tradizionali, determinato dai livelli stori-camente bassi dei tassi di interesse nel 2009-2010, e la fortissima concorrenza dei prodotti di risparmio di origine bancaria (depositi e obbligazioni) la cui offerta è aumentata a seguito dell’acuirsi delle difficoltà di molti intermediari ad acquisire liquidità sui mercati interbancari. Queste tendenze sono chiaramente visibili nel mercato italiano dove la raccolta è scesa del 12,3% (18,3% se si considera il solo lavoro diretto delle compagnie italiane), con una contrazione della raccolta ban-cassurance superiore al 25%.

    407 kb

  • 29 giu 2012

    L’incerta situazione dell’economia europea e dei mercati finanziari ha inciso pe-santemente sull’andamento dell’industria assicurativa nel 2011. La raccolta dei rami vita si è indebolita fortemente rispetto all’anno precedente in tutti i princi-pali mercati europei. Pesa su questo risultato, in primo luogo, l’indebolimento del-la capacità di risparmio delle famiglie osservata in molti paesi. A ciò si aggiunge il calo dei rendimenti garantiti dei prodotti tradizionali, determinato dai livelli stori-camente bassi dei tassi di interesse nel 2009-2010, e la fortissima concorrenza dei prodotti di risparmio di origine bancaria (depositi e obbligazioni) la cui offerta è aumentata a seguito dell’acuirsi delle difficoltà di molti intermediari ad acquisire liquidità sui mercati interbancari. Queste tendenze sono chiaramente visibili nel mercato italiano dove la raccolta è scesa del 12,3% (18,3% se si considera il solo lavoro diretto delle compagnie italiane), con una contrazione della raccolta ban-cassurance superiore al 25%.

    2 mb

  • 29 lug 2011

    Il forte recupero della raccolta registrato dal settore vita nel 2009 è continuato a ritmi sostenuti in tutti i principali mercati durante il 2010. A trainare la crescita sono stati ancora una volta i prodotti a ridotto rischio finanziario, la cui domanda ha beneficiato di una curva dei rendimenti piuttosto ripida e della volatilità dei mercati azionari, che in molti paesi ha penalizzato la crescita dei prodotti linked. Il mercato italiano si è confermato il più dinamico, crescendo del 9,2%.

    452 kb