Generali Group

          dove siamo

                                   

          25 maggio 2020 - 17:45

          Come il Fintech può aiutare le PMI nella fase della ripresa

          Nuovi modelli di credito, reti mobili e startup

          Gli uffici di Patreon – sito di crowdfunding – a San Francisco

          Al pari di altri settori anche quello finanziario ha subito le conseguenze della pandemia di Covid-19 con sfide poste su più fronti con l’aumento dei requisiti di sicurezza sanitaria nei posti di lavoro e distanziamento sociale che ha reso impossibile soddisfare i clienti in una filiale fisica, mettendo a dura prova altre tipologie di interfaccia: telefonico, via sito web e social media. La crisi economica derivante dalla pandemia ha inoltre spinto un numero sempre più alto di utenti, sia persone fisiche che aziende, a contattare i propri fornitori di servizi finanziari, aumentando ulteriormente la pressione sul settore a livello globale. La delicata fase che tutti i paesi stanno affrontando a livello globale rappresenta tuttavia un’occasione per ripensare interamente il settore e sfruttare alcune conquiste tecnologiche finora utilizzate solo in determinati comparti.


          All'inizio della pandemia, le banche hanno aumentato la propria capacità di condurre operazioni da remoto per consentire ai dipendenti di lavorare in sicurezza da casa. Gli istituti di credito hanno anche dovuto affrontare un ulteriore problema: aiutare le grandi multinazionali e i loro venditori all'interno della catena di approvvigionamento ad adattarsi all'enorme impatto sociale derivante dalla pandemia. Un esempio è quello dell’inglese High Street Bank TSB che ha lavorato con il fornitore di servizi IT IBM per sviluppare un agente digitale intelligente per servire i clienti in assenza di supporto delle filiali bancarie e call center sovraccarichi durante la pandemia di coronavirus Covid-19. Negli Stati Uniti, paese fortemente colpito dalla pandemia, l’utilizzo delle tecnologie fintech è aumentato. Attraverso app come Venmo per la prima volta gli attori del settore sono stati chiamati a sostenere aiutare l’erogazione di una parte del massiccio pacchetto di stimolo da 2.000 miliardi di dollari avviato dal governo, che include prestiti alle piccole imprese e assegni da 1.200 dollari alle persone fisiche, mirati ad attenuare le conseguenze del coronavirus.

          Tuttavia, l’utilizzo di nuovi modelli e di nuove tecnologie finanziarie, sta mostrando la sua importanza soprattutto nei paesi in via di sviluppo, dove il comparto più colpito dalle misure di contenimento della pandemia è quello delle piccole e medie imprese. I modelli di prestito tradizionali sono stati a lungo un ostacolo all'accesso ai finanziamenti per le Pmi in economie in rapida crescita e in questo contesto nuovi approcci basati sul fintech danno la possibilità di bloccare i finanziamenti e favorire la ripresa economica una volta superata la pandemia. Le Pmi rappresentano oltre la metà del Pil della maggior parte dei paesi e sono responsabili di quasi sette posti di lavoro ogni 10. Anche prima dell'epidemia di coronavirus, meno del 15 per cento delle Pmi in economie in rapida crescita avevano accesso al credito di cui avevano bisogno per crescere; limitare le economie e ostacolare la creazione di posti di lavoro e ricchezza. Secondo l'International Finance Corporation (Ifc), il fabbisogno di finanziamento insoddisfatto delle Pmi in questi mercati ammonta a 5.000 miliardi di dollari all’anno. Questo deficit di finanziamento probabilmente si amplierà significativamente in seguito alla pandemia di Covid-19, soprattutto nei paesi in via di sviluppo. In Nigeria, ad esempio, meno del 7 per cento delle Pmi ha mai sottoscritto un prestito formale e le richieste di prestito per le Pmi inferiori a 50.000 dollari sono raramente approvate. Lo sviluppo del settore finanziario grazie alle nuove tecnologie ha offerto un nuovo modello di prestito più efficiente e veloce. Secondo quanto riferisce il World economic forum (Wef) per la prima volta, le Pmi possono condividere i dati che hanno in cambio dell'accesso al credito per aiutarli a crescere. Utilizzando piattaforme di analisi avanzate e intelligenza artificiale per valutare dati transazionali e alternativi i finanziatori di fintech stanno acquisendo una comprensione molto più profonda del comparto della piccole e media impresa. Un esempio concreto è quello offerto da Lidya che dal 2016 opera in mercati cosiddetti di frontiera, come la Nigeria. La piattaforma sta ora sta fornendo prestiti in Europa e Africa, così come altre start-up, stanno spianando la strada a una nuova economia concedendo prestiti per un minimo di 150 euro. In paesi in cui la mancanza di infrastrutture è cronica l’unico dispositivo diffuso sono gli Smartphones unica connessione per le persone a strumenti finanziari, informazioni e altri servizi. La pandemia di coronavirus ha mostrato l’importanza della connessione internet e ancora di più quella degli Smartphones . Il secondo operatore di telefonia mobile più grande al mondo, Vodafone, ha registrato un aumento del 50 per cento nell'uso di Internet durante questo periodo. Un altro esempio è quello di Channel Vas, tra i leader del Fintech, fondata nel 2012 e che in pochi anni ha assistito ad un allargamento della sua attività di in oltre 30 paesi in Africa, Medio Oriente, Asia e America latina, con particolare attenzione ai mercati emergenti. Nel 2019 l’azienda ha supportato le operazioni Operatore di rete mobile e istituzioni finanziarie per fornire credito di oltre 8 milioni di dollari al giorno a oltre 700 milioni di persone nel 2019 e continua espandersi a nuovi mercati a livello globale.