Generali Group

          dove siamo

                                   

          Domande frequenti

          In questa sezione sono disponibili alcune domande relative all'assemblea degli azionisti.

          Lo Statuto e il Regolamento assembleare sono disponibili in questa pagina.

          L’avviso di convocazione è stato pubblicato in data 14 marzo 2019 su questo sito, nonché pubblicato in data 14 marzo su “Milano Finanza” e sul quotidiano “Il Piccolo”.

          Per intervenire e votare in Assemblea occorre richiedere all'intermediario finanziario abilitato presso cui sono depositate le azioni Generali di effettuare una comunicazione alla Società per l'intervento in Assemblea. Tale comunicazione è effettuata sulla base delle azioni che risultano depositate al termine della giornata contabile del settimo giorno di mercato aperto precedente la data fissata per l'Assemblea in prima o unica convocazione (la cd. record date, che quest’anno cade nella giornata del 17 aprile 2019).
          Coloro che risulteranno titolari delle azioni successivamente alla cd. record date non saranno legittimati a partecipare e votare in assemblea. La comunicazione deve pervenire a Assicurazioni Generali entro la fine del terzo giorno di mercato aperto precedente la data fissata per l'Assemblea in prima o unica convocazione. È comunque possibile intervenire e votare in Assemblea anche se la comunicazione è effettuata dall'intermediario abilitato oltre il termine previsto, purché entro l'inizio dei lavori assembleari.

          A seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs. n. 27/2010 e successive modificazioni, come detto, la legittimazione all’intervento e all’esercizio del diritto di voto in assemblea spetta a coloro che siano titolari delle azioni dell’emittente al termine della giornata contabile del settimo giorno di mercato aperto precedente la data fissata per l'Assemblea in prima o unica convocazione (c.d. record date), ed abbiano comunicato la propria volontà di intervento tramite l'intermediario abilitato.
          Tale legittimazione non viene meno nell’ipotesi in cui costoro abbiano compiuto atti di disposizione delle azioni (ivi incluso il caso di una loro completa alienazione) in data successiva alla record date che, come detto, per questa Assemblea, cade nella giornata del 17 aprile 2019.
          Le registrazioni in accredito e in addebito compiute sui conti successivamente a tale termine non rilevano ai fini della legittimazione all'esercizio dei diritti nell'Assemblea.

          Gli azionisti possono intervenire personalmente o farsi rappresentare mediante rilascio di una delega scritta. Coloro ai quali spetta il diritto di voto possono rilasciare delega a un unico rappresentante per ciascuna Assemblea (ferme restando le deroghe di cui all’art. 135-novies del d.lgs. n. 58/1998), salva la facoltà di indicare sostituti. E’ possibile anche rilasciare la delega al Rappresentante Designato dalla Società.

          La delega ha effetto anche per le eventuali convocazioni successive alla prima e non è valida se il nome del rappresentante è lasciato in bianco; la delega e le relative istruzioni di voto possono essere revocate. La delega deve essere conferita per iscritto; Assicurazioni Generali mette a disposizione sul proprio sito internet e presso la sede legale un modulo che può essere utilizzato per il rilascio della delega.

          Il Rappresentante Designato dalla Società è il soggetto che la Compagnia può designare per ciascuna Assemblea, ai sensi dell’articolo 135-undecies del TUIF, e al quale i soci possono conferire una delega con istruzioni di voto su tutte o alcune delle proposte all'ordine del giorno entro la fine del secondo giorno di mercato aperto prima della data effettiva dell'Assemblea.
          La delega deve essere conferita mediante la sottoscrizione di apposito modulo, che sarà disponibile sul sito internet della Società alla pubblicazione dell’avviso di convocazione, e non comporta alcun costo aggiuntivo per gli azionisti. Per questa Assemblea sarà individuato come Rappresentante Designato, indicato nell’avviso di convocazione assembleare, Computershare S.p.A.

          Le relazioni saranno messe a disposizione del pubblico presso la sede legale, sul sito internet della Società, www.generali.com (nella sezione Governance – Assemblea Azionisti – Assemblea 2019 e sul meccanismo di stoccaggio centralizzato delle informazioni regolamentate su cui fa affidamento la Società, denominato "eMarket SDIR", entro il termine di pubblicazione dell'avviso di convocazione dell'assemblea previsto in ragione delle materie all’ordine del giorno, ovvero entro i diversi termini previsti espressamente dalla legge.

          Alla luce della normativa di legge e regolamentare vigente, le imprese di assicurazione e riassicurazione quotate sono obbligate a mettere a disposizione del pubblico, nei termini di legge, una relazione sulla remunerazione composta da tre sezioni: la prima illustra la politica sulla remunerazione dei componenti degli organi sociali, dei dirigenti con responsabilità strategiche e delle funzioni di controllo; la seconda dà conto delle modalità con le quali tale politica è stata attuata, fornendo altresì disclosure dei compensi effettivamente corrisposti; la terza contiene il report relativo alle verifiche delle funzioni di controllo a cura di Audit, Compliance e Risk Management. In questo quadro, è previsto espressamente ex lege che l’assemblea annuale dei soci sia chiamata a deliberare, con efficacia vincolante, esclusivamente sulla prima sezione della richiamata relazione mentre riceve una semplice informativa sulla seconda.

          A seguito dell’entrata in vigore del D.lgs. n. 27/2010 il verbale assembleare deve essere reso pubblico entro 30 giorni dalla data dell’Assemblea. Entro 5 giorni dalla data dell'Assemblea deve essere messo a disposizione sul sito internet della Compagnia un rendiconto sintetico delle votazioni contenente il numero di azioni rappresentate in assemblea e delle azioni per le quali è stato espresso il voto, la percentuale di capitale che tali azioni rappresentano, nonché il numero di voti favorevoli e contrari alle delibere ed il numero di astensioni.

          No. L’articolo 123-bis, comma 3, del Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 espressamente prevede che la Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari sia oggetto di approvazione da parte dell’organo di amministrazione della Società. Tale documento non costituisce pertanto oggetto di discussione e approvazione da parte dell’Assemblea.

          Com’è accaduto nel recente passato, anche all’ordine del giorno di questa Assemblea è posta una proposta di modifica statutaria funzionale all’attuazione del piano di incentivazione di lungo termine.
          Il Regolamento ISVAP n. 17/2008 prescrive che, in occasione di ogni modifica statutaria, le imprese di assicurazione deliberino un aggiornamento della clausola statutaria che, ai sensi del medesimo Regolamento, dà conto dell’ammontare del capitale sociale e di altri elementi del patrimonio netto.

          In continuità con lo scorso anno, un nuovo piano di incentivazione di lungo termine basato su azioni di Assicurazioni Generali – Long Term Incentive di Gruppo (LTI) 2019 – è sottoposto ad approvazione dell’Assemblea degli Azionisti.

          La struttura del piano è stata rivista alla luce dell’evoluzione del contesto normativo, delle prassi di mercato, delle aspettative degli investitori e della nuova strategia di Gruppo.

          È stato introdotto un periodo di performance complessivo triennale (2019-2021) dove la maturazione delle azioni è subordinata al raggiungimento di condizioni di performance di Gruppo e alla verifica del raggiungimento di un livello minimo di Regulatory Solvency Ratio, quale unica soglia d’accesso al piano di incentivazione.

          La direzione e gli obiettivi della strategia del Gruppo sono stati pienamente integrati nel piano per allineare ai nuovi obiettivi strategici le metriche del piano di incentivazione con riferimento a: Earning Per Share Growth, net ROE medio e il TSR relativo (“rTSR”).

          La struttura del piano di incentivazione di lungo termine è inoltre differenziata in termini di durata complessiva e periodo di differimento per due diverse categorie di beneficiari:

          1. per l’Amministratore Delegato/Group CEO e i componenti del Group Management Committee (GMC), è previsto un sistema di erogazione in un arco temporale complessivo distribuito su 7 anni di calendario;
          2. per il restante personale rilevante, i GLG non compresi in alcuna delle categorie di personale rilevante, i Director e i talenti, è previsto un sistema di erogazione in un arco temporale complessivo distribuito su 6 anni di calendario.

          Il piano prevede un numero massimo di 12.000.000 azioni assegnabili pari allo 0,77% del capitale sociale.

          Il piano offre ai dipendenti la possibilità di acquistare azioni di Assicurazioni Generali a condizioni agevolate, offrendo, in caso di apprezzamento del valore delle Azioni, azioni gratuite (“matching shares” e “dividend equivalent shares”) in proporzione al numero di azioni acquistate e ai dividendi distribuiti.

          Il piano ha come destinatari i dipendenti del Gruppo Generali, ad eccezione dei membri del Group Management Committee (GMC) e del Global Leadership Group (GLG).

          Il Consiglio di Amministrazione di Assicurazioni Generali, dando attuazione al piano, identificherà le specifiche categorie di dipendenti che potranno partecipare al piano.

          Il piano, soggetto all’approvazione dell’Assemblea degli Azionisti il 7 Maggio 2019, avrà inizio indicativamente ad ottobre 2019 e avrà durata di 3 anni.

          La modalità di finanziamento del piano è l’acquisto di azioni proprie sul mercato, senza diluizione di capitale.

          Il piano coinvolgerà fino a 6 milioni di azioni, pari allo 0,38% del capitale.

          Data la dimensione del piano, l’impatto sulla “Solvency Ratio” del gruppo sarà trascurabile.