Generali Group

          dove siamo

                                   

          28 gennaio 2020 - 14:30

          Gruppo Generali a Davos 2020

          Dal 21 al 24 gennaio Generali ha partecipato alla 50a edizione del World Economic Forum (WEF) a Davos, in Svizzera.

          "Stakeholder for a Cohesive and Sustainable World" è stato il tema principale dell'evento di quest'anno, incentrato su questioni chiave come mobilitare l’economia a fornire risposte di fronte ai rischi dei cambiamenti climatici e creare modelli che consentano una maggiore inclusione, nonché come affrontare con tensioni economiche, sociali e politiche e cambiamenti tecnologici.

          A Davos, Generali ha assunto un ruolo di primo piano nell'affrontare questi argomenti attraverso due momenti di incontro. Il primo, organizzato da Generali Investments, Asset & Wealth Management, si è tenuto il 22 gennaio e ha fornito informazioni su come Generali, nel suo ruolo di assicuratore e asset manager, gestisce in modo sostenibile la propria attività e sviluppa soluzioni di investimento che tengono conto degli investimenti socialmente responsabili (SRI) e criteri ambientali, sociali e di governance (ESG).

          Il Presidente di Generali, Gabriele Galateri di Genola, ha commentato: "Il nostro obiettivo è proteggere e migliorare il valore che diamo a tutto ciò a cui teniamo con una visione a lungo termine. Per creare questo valore condiviso nel tempo per tutti i nostri stakeholder abbiamo deciso di iniziare a ripensare il nostro business comprendendo, prevedendo e gestendo le enormi sfide globali che abbiamo di fronte oggi. Il settore assicurativo è una presenza resiliente nell'economia globale e continua a garantire la crescita, lo sviluppo e il benessere delle società moderne ".

          Un secondo panel tenutosi il 23 gennaio ha visto la partecipazione del Group CEO Philippe Donnet, che ha discusso dei paradossi della sostenibilità e dell'innovazione dei modelli di business con il vicepresidente della Banca europea per gli investimenti, Emma Navarro, e il rettore dell'Università Bocconi, Gianmario Verona.
          Nel corso del panel il Group CEO Philippe Donnet ha affermato: “Vediamo la sostenibilità come la capacità delle aziende di creare valore economico a lungo termine preservando allo stesso tempo l'ambiente e agendo per il bene comune. Stiamo integrando la sostenibilità in tutte le nostre attività e, per la prima volta nella nostra storia, l'abbiamo resa uno dei tre fattori abilitanti della nostra strategia, Generali 2021. Il nostro obiettivo è aumentare il nostro impegno nei confronti di settori sostenibili e verdi, definendo concreti progressi sia nell’attività assicurativa sia nella gestione degli investimenti.”

          Inoltre, durante la prima sessione, Lucia Silva, Responsabile Group Sustainability & Social Responsibility, ha spiegato perché e in che modo è importante integrare i criteri ESG negli investimenti e nella gestione patrimoniale, in linea con le Linee guida sugli investimenti responsabili del Gruppo.
          Carlo Trabattoni, CEO di Generali Investments Partners, ha quindi illustrato le attuali tendenze SRI / ESG nell’ambito dell’asset management sottolineando che, mentre i rating ESG e i fondi allineati alla sostenibilità stanno influenzando positivamente i mercati, è irrinunciabile una diversificazione delle classi di attività e delle strategie (infrastrutture, proprietà immobiliari, attività private).
          Infine, Gian Maria Mossa, CEO e Direttore Generale di Banca Generali, ha fornito una panoramica dell'approccio sostenibile sviluppato per promuovere il coinvolgimento della rete e dei clienti della Banca che è stato riprogettato a tale scopo in termini di comprensibilità, impatto, personalizzazione, continuità ed empatia.

          L'economia globale si trova in una fase cruciale e deve affrontare enormi sfide che richiedono una sempre maggiore attenzione alla sostenibilità. Generali è in prima linea negli sforzi per garantire e determinare l'adozione di politiche e strategie per combattere i cambiamenti climatici e aumentare la resilienza della nostra società.