Generali SpA

    sedi e servizi globali
                               

    02 marzo 2016 - 14:38

    La strada per l’integrazione non è un manicomio

    Come la cura del territorio aumenta la sicurezza delle persone

    La sociologia urbana prevede che tra disordine e comportamenti antisociali si inneschi  un circolo vizioso (ad esempio secondo la teoria delle finestre rotte, in auge durante il mandato del sindaco Rudolph Giuliani a New York).  Per rompere questo circolo, Thomas Emmenegger, psichiatra svizzero e responsabile del progetto Olinda, è necessario agire a livello locale, attivando iniziative che accrescano l’integrazione e riducano l’insicurezza e le paure delle persone. Un’attività che Emmenegger svolge da oltre 20 anni nell’ex-ospedale psichiatrico Paolo Pini a Milano, ora riconvertito in un insieme di imprese sociali che coinvolge persone con problemi di salute mentale e giovani in cerca di una seconda occasione.