Generali Group

                                 

          Dialogo sociale

          Dialogo sociale e relazioni sindacali

          In linea e in ottemperanza a quanto previsto dalle legislazioni, prassi e culture locali, riconosciamo i diritti di libertà sindacale, di associazione, di costituzione delle rappresentanze dei lavoratori. Inoltre, sempre nel rispetto delle normative e prassi in vigore localmente, riconosciamo l’esercizio delle relative funzioni di rappresentanza, tra le quali il diritto alla contrattazione collettiva.

          Nel caso di rilevanti cambiamenti organizzativi è previsto che alle rappresentanze dei lavoratori sia fornita un’adeguata informativa, nel rispetto dei termini previsti dalle normative e prassi locali, almeno 30 giorni prima (25 giorni prima nell’ipotesi di trasferimento d’azienda) nella maggior parte dei Paesi

          Dialogo sociale e relazioni sindacali

          Dialogo sociale con il Comitato Aziendale Europeo

          Il dialogo sociale di Gruppo si ispira ad un approccio costruttivo e cooperativo nel pieno rispetto dei diversi ruoli e obiettivi. La Carta Sociale Europea del Gruppo Generali, in linea con le legislazioni, le culture e le pratiche nazionali, promuove il dialogo sociale favorendo il confronto con i rappresentanti dei lavoratori, per la loro crescita personale e professionale e per l’affermazione delle pari opportunità. Coerentemente con il quadro giuridico europeo, a partire dal 1997 abbiamo sviluppato un forum per il dialogo sociale europeo in applicazione della direttiva europea riguardante l’istituzione di un comitato aziendale europeo o di una procedura per l’informazione e la consultazione dei lavoratori, denominato Comitato Aziendale Europeo (CAE) di Generali.Si tratta dell’unico organismo europeo di rappresentanza dei lavoratori con cui ci confrontiamo. Oggetto dell’attività del CAE è l’approfondimento con l’azienda su progetti e iniziative transnazionali di interesse per i lavoratori. Il dialogo sociale nel CAE di Generali è regolato da uno specifico accordo aziendale che disciplina anche la composizione, le funzioni e gli incontri del comitato stesso.

          Dialogo sociale con il Comitato Aziendale Europeo

          Con riferimento all'ambito CAE e in conformità all'Accordo CAE in vigore, in caso di progetti / iniziative transnazionali di rilevante interesse per i lavoratori (es. Riorganizzazione con licenziamento, ristrutturazione con licenziamenti - riduzione dell'organico), viene tempestivamente attivato un processo di informazione e consultazione con rappresentati CAE - in coordinamento con i paesi coinvolti, se necessario - al fine di minimizzare contemporaneamente l'impatto sui posti di lavoro e sul livello di occupazione in linea con la Carta Sociale Europea di Gruppo e il rispettivo quadro giuridico dei paesi coinvolti dal progetto / iniziativa transnazionale. Offrire tempestivamente informazioni esaurienti (inclusa la trasmissione dei dati) al CAE è il primo passo. Può seguire una consultazione che include un eventuale parere del CAE a cui la Società può dare risposta.

          Negli ultimi anni, e sempre nel clima costruttivo caratterizzante le relazioni con il CAE, si è giunti alla sottoscrizione di alcune dichiarazioni congiunte su temi di rilevante importanza quali :

          • il Telelavoro (2017),
          • la Diversità e l’Inclusione (2019)
          • la Crisi Emergenziale, definita recentemente per fare fronte alle sfide della pandemia Covid-19.

          DOWNLOAD

          Le Generali promuovono il Telelavoro (Dichiarazione congiunta con EWC) 491 kb  
          Generali promuove la diversità e l’inclusione (Dichiarazione congiunta con EWC) 181 kb  
          Dichiarazione congiunta sulla crisi emergenziale 371 kb