Generali Group

          dove siamo

                                   

          Well-being

          Garantiamo condizioni di lavoro rispettose della dignità individuale in luoghi di lavoro salubri, sicuri, protette e conformi alle norme vigenti in materia di sicurezza e salute. Particolare attenzione viene riservata alle donne in gravidanza, alle madri e ai lavoratori con disabilità.

          Per tutte le nostre persone sono previsti corsi di aggiornamento in modalità e-learning (normativa vigente in tema di salute e sicurezza, prevenzione dei rischi, cosa fare in caso di emergenza e incendio) che prevedono un test finale per valutare le conoscenze acquisite e brochure diffuse nelle intranet aziendali.

          Nella maggior parte delle nostre società è presente il Comitato Salute e Sicurezza oppure il Servizio di Prevenzione Rischi di Gruppo entrambi preposti alla valutazione dei rischi, al monitoraggio e alla gestione delle problematiche relative alla prevenzione dei rischi e alla tutela della salute dei lavoratori nello svolgimento delle loro attività professionali.

          Valutiamo i rischi e identifichiamo le cause che possono determinare lo stress da lavoro correlato (work-related stress), per prevenire il quale abbiamo previsto le seguenti misure:

          • corsi di formazione e workshop;
          • indagini d’opinione;
          • team dedicati;
          • riduzione degli straordinari;
          • flessibilità degli orari di lavoro;
          • interventi sul patrimonio immobiliare per mantenere l’organizzazione delle sedi di lavoro sempre adeguata a tutelare la sicurezza dei lavoratori, per rendere più confortevoli le condizioni di lavoro e accrescere l’efficienza e l’affidabilità dei sistemi uomo-macchina;
          • monitoraggio annuale dell’assenteismo causato dallo stress lavorativo.


          Spese effettuate: sorveglianza sanitaria, formazione in aula per gli addetti al primo soccorso e all’antincendio, dotazioni delle squadre di emergenza, visite mediche di controllo (oculistiche, ergonomiche, posturali), interventi per rendere più confortevoli le condizioni di lavoro, ecc..

          I dati si riferiscono ai seguenti Paesi: Austria, Francia, Germania, Italia, Repubblica Ceca, Spagna e Svizzera.

          BEST PRACTICE