Generali Group

          dove siamo

                                   

          Outlook

          In un contesto macroeconomico e finanziario caratterizzato da bassi tassi di interesse, da un’elevata incertezza sui mercati finanziari e da uno scenario normativo in continua evoluzione, il gruppo aumenterà il focus sulle iniziative del programma di Technical Excellence e di risparmio dei costi.

          ALCUNI DATI DI CONTESTO PER IL 2018

          • Tassi: in base a prospettive di crescita solida e di inflazione leggermente più elevata, nella zona Euro gli investitori sono sempre più proiettati al primo rialzo dei tassi di riferimento da parte della BCE nel 2019, mentre negli Stati Uniti ci si attende che la Fed segua il suo percorso di “normalizzazione” aumentando di tre volte i tassi di riferimento.
          • Mercati azionari: l’attuale congiuntura economica favorevole, la riforma fiscale negli Stati Uniti e il livello ancora ampio di liquidità dovrebbero incoraggiare il trend di crescita, sebbene i mercati siano già in qualche modo sopravvalutati.
          • Mercato assicurativo, comparto danni: la crescita continuerà grazie al buon andamento dell’economia, sebbene in un settore competitivo, anche dal punto di vista della distribuzione, come conseguenza della trasformazione digitale in atto.
          • Mercato assicurativo, comparto vita: lo scenario non facile di perduranti bassi tassi di interesse potrebbe essere accompagnato da alcuni segni positivi grazie al previsto buon andamento dei redditi disponibili.
          • Riassicurazione: va considerata la frequenza anomala di importanti eventi catastrofali nella seconda metà del 2017 in particolare nei Caraibi e negli Stati Uniti.

          PREVEDIBILE EVOLUZIONE DELLA GESTIONE

          • Comparto vita: impegnato in un contesto ancora caratterizzato da vincoli regolamentari e perduranti bassi tassi di interesse, il Gruppo sta attuando un ribilanciamento del portafoglio basato sull’ottimizzazione della profittabilità e su una più efficiente allocazione del capitale, oltre ad implementare contestualmente iniziative volte al rafforzamento del marchio.
          • Comparto danni: all’interno di un contesto competitivo, il Gruppo sta intensificando le iniziative volte a compensare gli effetti sulla redditività con misure anticicliche e un approccio disciplinato al pricing e alla selezione del rischio, in linea con la strategia di ottenere il miglior combined ratio tra i concorrenti.
          • Investimenti: la nostra politica nell’ambito degli investimenti continuerà ad essere basata su un’allocazione degli asset volta al rafforzamento dell’attuale redditività, sempre garantendo la coerenza con gli impegni nei confronti degli assicurati.


          Tali iniziative consentiranno al Gruppo di controbilanciare il prolungato scenario di bassi tassi di interesse, incoraggiando allo stesso tempo la crescita e confermando gli obiettivi del piano strategico 2015-2018.