Generali Group

          dove siamo

                                   

          Outlook

          In un contesto di mercato particolarmente sfidante, tra le priorità del Gruppo Generali figurano il consolidamento della leadership in Europa e il rafforzamento dei mercati ad alto potenziale, con un’ambizione alla crescita profittevole, associata all’ottimizzazione finanziaria, nonché all’innovazione e alla trasformazione digitale.

          ALCUNI DATI DI CONTESTO PER IL 2019

          Nei primi mesi del 2019 sono proseguiti il rallentamento complessivo della crescita economica e le tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti, nonché una debolezza economica nei Paesi industrializzati.
          Permangono inoltre alcuni temi critici come la Brexit, un calo generalizzato dei tassi di interesse, nonché un clima di incertezza dei mercati finanziari.
          In tale contesto, il Gruppo sta implementando efficacemente le attività previste dal piano strategico ‘Generali 2021’ avente come priorità il consolidamento della leadership in Europa, il rafforzamento nei mercati ad alto potenziale, l’ottimizzazione finanziaria, l’innovazione e la trasformazione digitale del modello operativo.
          Nel segmento Vita, proseguirà la strategia di ribilanciamento del portafoglio verso prodotti a basso assorbimento di capitale.
          Nel segmento Danni, fermo restando il presidio dell’eccellenza tecnica, si prevede un rafforzamento della raccolta premi nelle principali aree geografiche in cui opera il Gruppo Generali, con una forte attenzione ai mercati ad alto potenziale di crescita. Infine, nel segmento Asset Management, nel corso del 2019 proseguiranno le azioni in esecuzione della strategia.

          Nonostante le rinnovate pressioni dovute all’andamento dei tassi, il Gruppo conferma gli obiettivi del prossimo triennio, che prevedono una crescita degli utili per azione tra il 6% e l’8%1, un RoE medio superiore all’11,5%2 e un obiettivo di pay-out ratio tra il 55% e il 65%3.

          1CAGR su tre anni; normalizzato per l’impatto di plus e minusvalenze derivanti dalle dismissioni.
          2Basato su Equity IFRS esclusi OCI e su risultato netto complessivo.
          3Normalizzato per l’impatto delle plus e minusvalenze derivanti dalle dismissioni.