Generali SpA

Benvenuti nel Gruppo Generali
Seleziona il tuo paese

Dove siamo
                           

Un capitalismo più inclusivo

Una ricerca sui nuovi percorsi dell’economia globale

Il tema di quello che viene chiamato “capitalismo inclusivo” è sempre più dibattuto soprattutto nel mondo anglosassone. Per i suoi sostenitori è la nuova strada dell’economia mondiale che renderà il mondo più prospero; per i suoi critici è un tentativo di  dare nuovo splendore a un’economia globale in crisi e per i suoi detrattori più radicali è solo una maniera di evitare nuove rivolte popolari. Ma oltre alla polemica c’è anche la ricerca. The Principles for Responsible Investment (PRI), un’organizzazione non a scopo di lucro il cui fine è prefigurare possibili azioni per un investimento responsabile, ha appena finanziato, tra gli altri, un progetto della  Judge Business School dell’Università di Cambridge il cui titolo è appunto: Inclusive capitalism: the impact of global shareholder engagements.

Il progetto di ricerca studia un periodo di quasi vent’anni di scelte economiche combinando dati che coprono  68 Paesi e  oltre 5mila aziende. Il team di lavoro  è diretto dal Professor Elroy Dimson, a capo del Newton Centre for Endowment Asset Management, e la sua squadra avrà accesso  alla banca dati dei PRI  che contribuisce alla ricerca universitaria con10mila sterline di contributo.  Una banca dati ben fornita,  visto che nel novembre scorso 1600 firmatari, che rappresentano 62 trilioni di dollari di patrimonio, hanno sottoscritto i sei principi guida dei PRI a dieci anni dalla nascita dell’iniziativa per un’economia responsabile. I risultati dello studio saranno  pubblicati nel 2017.