Generali SpA

Benvenuti nel Gruppo Generali
Seleziona il tuo paese

Dove siamo
                           

Politiche di acquisto

I rapporti con i partner contrattuali sono regolati dal Codice Etico per i fornitori del Gruppo Generali, approvato a dicembre 2011 dal Consiglio di Amministrazione della Capogruppo, dal Codice di Condotta per gli Acquisti approvato nel 2014 e da una Policy interna, strettamente correlata al Codice di Condotta del Gruppo, finalizzata a garantire una corretta gestione delle attività attuali e future conferite in outsourcing.

Nel Codice Etico per i fornitori del Gruppo Generali abbiamo definito come debbano essere affrontati e gestiti i rischi e le opportunità collegati alla gestione dei rapporti con i fornitori, affinché sia garantita l'integrità della catena di fornitura in relazione ai principi in materia di diritti umani e del lavoro, lotta alla corruzione e ambiente che ci impegniamo a rispettare in tutte le attività. A tale scopo, il Codice precisa innanzitutto i principi generali che devono essere posti alla base di proficui rapporti con i partner contrattuali: correttezza e onestà, rifiuto di ogni forma di corruzione, trasparenza e imparzialità, prevenzione del conflitto d’interessi, concorrenza leale e riservatezza, tutela dei lavoratori e salvaguardia dell’ambiente.

Ai nostri partner contrattuali chiediamo di:

  • allinearsi alle politiche del Gruppo nello svolgimento della propria attività e di garantirne il rispetto anche a tutti i livelli della rispettiva catena di fornitura;
  • operare secondo i principi esplicitati nel documento: correttezza e onestà, trasparenza e imparzialità, prevenzione di conflitti di interessi, concorrenza leale, riservatezza, tutela dei lavoratori e salvaguardia dell’ambiente;
  • conformarsi a tutte le leggi e ai regolamenti nazionali e internazionali applicabili, ivi inclusi la Convenzione Fondamentale dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, le regole e gli standard dei rispettivi settori di attività.

Il rispetto dei requisiti richiesti ai fornitori è garantito tramite adeguate procedure di monitoraggio che tengono conto anche dei profili di rischio delle diverse categorie di fornitori.
Nel caso di riscontro di non conformità ai sopra citati principi, il Gruppo Generali cerca una soluzione con il partner contrattuale attraverso il dialogo. Nel caso di mancato accordo o qualora si riscontrino gravi non conformità, il Gruppo mette in atto opportuni meccanismi sanzionatori che possono arrivare fino all’annullamento del contratto.

Nel Codice di Condotta per gli Acquisti, sottoscritto da tutti i dipendenti del Gruppo che acquistano o hanno rapporti commerciali con i fornitori, abbiamo formalizzato rigorosi standard di comportamento e disposizioni che riguardano, in particolare, la prevenzione di eventuali conflitti di interessi e di ogni forma di corruzione, la regolamentazione dell’accettazione e/o l’offerta di regali di qualsiasi tipo e la gestione e l’utilizzo delle informazioni riservate. È in atto il processo di implementazione delle disposizioni nei diversi Paesi di operatività tenendo conto anche della normativa e delle prassi locali. Stiamo, inoltre, predisponendo un corso e-learning che verrà erogato a metà 2015

Nella Policy di Gruppo per le attività in outsourcing abbiamo stabilito regole e linee guida per le attività e i rapporti con i partner, che devono essere gestiti in modo strutturato e conforme in tutte le entità del Gruppo. Nel documento sono sanciti sia i principi fondamentali sia gli standard obbligatori minimi e applicabili in tutti i Paesi di operatività, sono inoltre attribuite le responsabilità principali e assicurati controlli appropriati e strutture adeguate per la gestione.
Tutti i processi vengono regolarmente analizzati per monitorare la criticità dei processi e garantire l’assenza di conflitto di interessi.

Download

Codice Etico per i fornitori del Gruppo Generali 2 mb