Generali SpA

Benvenuti nel Gruppo Generali
Seleziona il tuo paese

Dove siamo
                           

Radici del presente

Radici del Presente nasce dalla volontà di sostenere e valorizzare il patrimonio storico e archeologico italiano, con la creazione di un museo all’interno della storica sede di Assicurazioni Generali in piazza Venezia a Roma e affacciato sui Fori Imperialie sulla Colonna Traiana.

© Mauro Mezzarobba

Il museo, aperto nel 2012, espone in maniera innovativa la collezione dei reperti archeologici rinvenuti durante gli scavi per la costruzione della sede, con particolare attenzione alla didattica.

I reperti sono esposti allʼinterno di un sistema narrativo immediato e coinvolgente che crea una relazione diretta con la città e la sua secolare stratificazione.

 

L’originalità delle soluzioni espositive e il valore didattico sono stati riconosciuti dall’ICCROM (Centro Internazionale di Studi per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali), che nel 2013 ha inserito il percorso espositivo e la visita al museo nel proprio master estivo internazionale.

Anche il DAI (Deutsches Archäologisches Institut) ne ha riconosciuto la specificità e il valore scientifico, patrocinando un convegno a Roma di cui il museo era il tema principale.

 

© Mauro Mezzarobba

Il museo ricostruisce in apertura le vicende che hanno portato alla configurazione attuale di Piazza Venezia, raccontando la costruzione del palazzo delle Assicurazioni Generali nei primi anni del secolo scorso, per poi focalizzarsi sui ritrovamenti archeologici rinvenuti durante gli scavi delle fondamenta della sede. L’intera collezione è composta da più di 300 reperti, tutti di età romana e databili tra il II e il V secolo d.C., ad eccezione di un rilievo greco del IV secolo a.C.; tra i pezzi più pregevoli figurano un busto dell’imperatore Gallieno e un frammento di rilievo con Enea in fuga da Troia.

Grazie alle opere, alle fotografie e alle testimonianze documentali l’esposizione permette per la prima volta di scoprire lo sviluppo complessivo di quest’area, centrale nella vita di Roma, dall’età antica ai giorni nostri. L’impostazione didattica è stata ideata con lo scopo di favorire un confronto diretto con i materiali esposti, alla ricerca di una mediazione tra l’affascinante complessità del reperto antico e la capacità di attrarre la curiosità dei giovani visitatori. A tale scopo, l’esposizione dei reperti è intervallata da cinque “scenografie abitabili”, spazi dove i reperti archeologici e i documenti d’archivio permettono di immergersi nel passato ripercorrendo a ritroso i duemila anni che ci separano dall’epoca dell’antica Roma. Queste soluzioni espositive facilitano l’interazione con i visitatori e rendono il museo un luogo di apprendimento sia per i più giovani che per gli adulti.

 

Il museo è aperto a tutti e visitabile gratuitamente su prenotazione. Delle guide appositamente formate accompagnano i visitatori durante la visita al museo fornendo tutte le informazioni per una proficua fruizione del percorso espositivo. 

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.radicidelpresente.it