Generali SpA

Benvenuti nel Gruppo Generali
Seleziona il tuo paese

Dove siamo
                           

Imposte

Abbiamo impatti rilevanti anche da un punto di vista economico: contribuiamo infatti al bilancio di più di 60 Paesi nel mondo, attraverso le imposte pagate localmente.

Al 31 dicembre 2015 Utile prima delle imposte
(milioni di euro)
Imposte dell'esercizio
(milioni di euro)
Aliquota effettiva
Gruppo Generali 3.407 1.112 32,6%
Italia 2.047 427 20,9%
Francia 729 206 28,3%
Germania 766 235 30,7%
CEE 375 48 12,8%
EMEA 872 167 19,2%
Americas 75 64 84,7%
Asia 160 15 9,3%
International Operations -1.618 -50 3,1%

Abbiamo versato imposte nel 2015 per oltre € 1 miliardo. L’aliquota fiscale effettiva consolidata, calcolata come rapporto tra le imposte e l’utile consolidato prima delle imposte, è stata pari al 32,6%, rispecchiando le aliquote delle imposte sui redditi e le disposizioni vigenti in ciascuna giurisdizione. Poiché la maggior parte delle società del Gruppo opera in giurisdizioni soggette ad elevato prelievo fiscale, quali Italia, Francia e Germania, l’aliquota fiscale effettiva consolidata risulta alta. Nel corso degli anni, non ha presentato variazioni significative: è risultata leggermente più bassa a fine 2015 rispetto a quella a fine 2014, quando era stata pari al 35%.

Nel 2015 l’aliquota fiscale effettiva consolidata ha risentito di alcuni elementi specifici, quali: la presenza di redditi esenti da tassazione (ad esempio, la distribuzione di dividendi e plusvalenze esenti da imposizione), le imposte sostitutive previste dalla normativa italiana sulle società estere controllate (le cosiddette CFC rule), l’imposta regionale sulle attività produttive (IRAP), le spese non deducibili (ad esempio, le imposte relative ad anni precedenti in Germania) e le rettifiche di imposte differite.

Riteniamo che nel prossimo futuro l’aliquota fiscale consolidata si manterrà in linea con gli esercizi passati, a meno di specifiche ristrutturazioni aziendali.

In qualità di investitori istituzionali, contribuiamo allo sviluppo e alla stabilità finanziaria dei Paesi attraverso investimenti in titoli di Stato per circa € 163 miliardi, che rappresentano il 33% del totale dei nostri asset in gestione. Sosteniamo inoltre lo sviluppo dell’economia reale, anche attraverso investimenti in titoli obbligazionari di imprese (non bancarie) per