Generali SpA

Benvenuti nel Gruppo Generali
Seleziona il tuo paese

Dove siamo
                           

Risultati consolidati al 31.12.2014

RISULTATI CONSOLIDATI GRUPPO GENERALI AL 31 DICEMBRE 2014¹

Con i risultati 2014 Generali completa un anno prima il piano di turnaround

Raggiunti in anticipo tutti i target

Risultato operativo in crescita a oltre €4,5 mld (+10,8%), con ottime performance in entrambi i segmenti

Operating RoE sale al 13,2% (vs target 2015 al 13%)

Utile netto € 1,7 mld (€1,9 mld FY13) comprensivo di one-off straordinari per €0,4 mld (vendita di BSI e svalutazione di Ingosstrakh); utile netto adjusted a €2,1 mld

Dividendo per azione a €0,60 (+33%; €0,45 FY13)

I premi lordi superano €70 mld (+7,7%) grazie alla crescita del business unit linked nel segmento vita

Focus continuo sulla solidità del Gruppo; Solvency 1 al 164%² (vs target 2015 160%)

Il Group CEO di Generali, Mario Greco, ha affermato: “Il processo di trasformazione di Generali è stato completato e, a nome di tutti i nostri colleghi, posso dire con orgoglio che abbiamo raggiunto con un anno di anticipo i target annunciati nel gennaio 2013. Grazie a questo piano di turnaround abbiamo generato €18 miliardi di valore per i nostri azionisti e confidiamo di continuare a creare valore anche in futuro. Oggi, Generali è focalizzata sul proprio core business assicurativo; più disciplinata nella gestione del proprio patrimonio e del proprio capitale; più semplice e trasparente nella governance e con una presenza geografica semplificata. La performance finanziaria nell’ultimo anno, nonostante una difficoltà di mercato senza precedenti, riflette l’impegno di tutte le nostre persone a mantenere le promesse fatte a clienti e stakeholders. Generali non è mai stata così solida e pronta ad affrontare le sfide nei mercati in cui è presente. A maggio presenteremo la nuova fase della nostra strategia, che aprirà un nuovo capitolo della storia di Generali”.

Milano - Il Consiglio di Amministrazione di Generali, riunitosi sotto la presidenza di Gabriele Galateri di Genola, ha approvato il bilancio consolidato e il progetto di bilancio della Capogruppo relativo al 2014.

EXECUTIVE SUMMARY

Il Gruppo chiude l’esercizio con risultati in forte crescita e completa, con un anno di anticipo, il piano triennale di turnaround al 2015. Le iniziative strategiche messe in atto hanno permesso a Generali di aumentare la redditività del business, migliorare la profittabilità e rafforzare la solidità patrimoniale.

Anche in uno scenario macroeconomico sfidante e in un contesto di bassi tassi d’interesse, la strategia ha portato il Gruppo, in soli due anni, ad una rapida e profonda trasformazione del suo profilo finanziario e di business. L’esecuzione del piano ha consentito di superare, con un anno di anticipo, il target principale di reddittività al 2015: il RoE operativo ha raggiunto a fine anno il 13,2% (vs 13% target 2015; 11,7% a fine 2013).

Le performance operative in forte crescita sia nel segmento vita (+15,2%) che nel danni (+13,1%) spingono il risultato operativo complessivo dell’esercizio a €4.508 milioni (+10,8%; €4.071 mln FY13).

L’utile netto a €1.670 milioni (€ 1.915 mln FY13) include circa € 400 milioni di effetti one-off straordinari derivanti dall’effetto integrale della vendita di BSI e dalla svalutazione di Ingosstrakh. L’utile netto adjusted, che non considera l’effetto degli one-off straordinari, è di € 2,1 miliardi.

Sul versante della produzione, il lancio di nuovi prodotti e iniziative di business spingono i premi complessivi a € 70.430 milioni (+7,7%; € 65,9 mln FY13). L’incremento è attribuibile al segmento Vita, con l’ottimo andamento in Italia, Francia e nell’area EMEA. In ripresa tutte le linee di business ed un grande sviluppo nei contratti linked (+43%), in linea con la strategia di privilegiare prodotti a basso assorbimento di capitale. Anche la nuova produzione in termini di APE registra una significativa crescita a € 5.163 milioni (+14,2%), accompagnata da un’elevata redditività, con un valore della nuova produzione (NBV) che registra un incremento del 33,7%.

Nel segmento Danni, i premi sono sostanzialmente stabili (€20.617 mln; +0,2%) nonostante la difficile congiuntura economica che permane in alcuni mercati. Il business danni del Gruppo si conferma per l’elevata redditività tecnica con un combined ratio che è migliorato ulteriormente a 93,8% (-1,9 p.p.) grazie al calo della sinistralità e al contenimento delle spese. Il reserve ratio cresce a 154% (150% FY13).

A questi risultati si accompagna una posizione patrimoniale rafforzata e sulla quale il Gruppo continua ad avere un forte focus. Il patrimonio netto segna una crescita del 17% a €23.204 milioni mentre l’indice Solvency I supera il target al 2015 (160%), attestandosi al 164% (su base pro-forma inclusi gli effetti della vendita di BSI; 141% FY13).

DIVIDENDO PER AZIONE A € 0,60 (+33%)

Il dividendo per azione che sarà proposto alla prossima Assemblea degli Azionisti è di €0,60 in aumento di €0,15 (+33%) rispetto all’anno precedente (€0,45 FY13). Il payout ratio è salito al 55,9% dal 36,6% del 2013.

Il dividendo complessivo relativo alle azioni in circolazione è pari a €934,1 milioni. Il dividendo sarà in pagamento dal 20 maggio 2015 con data di legittimazione a percepire il dividendo il 19 maggio 2015 e stacco cedola a partire dal 18 maggio 2015.

SEGMENTO VITA: RISULTATO OPERATIVO A €3 MLD (+15,2%), GRAZIE A REDDITIVITÀ DEL BUSINESS E OTTIMA RACCOLTA

  • Ottimo sviluppo dei premi (+11,2%) grazie in particolare a Italia (+30,7%); Francia (+10%) e paesi EMEA (+21,1%)
  • Nuova Produzione APE in crescita (+14,2%), con margini NBM che salgono al 24%

Il risultato operativo del segmento cresce del 15,2% a €2.978 milioni (€2.585 milioni FY13) spinto dalla redditività del business e dall’incremento della raccolta, oltre che dall’andamento favorevole del margine finanziario e dal contenimento delle spese. Anche in un quadro regolamentare difficile e in un contesto di tassi bassi, il risultato torna a livelli simili a quelli registrati prima dell’inizio della crisi economico-finanziaria nel 2008.
 

Segmento Vita - Risultato operativo
€ mln 31/12/2014 Δ
Italia 1.346 30,7%
Francia 560 6,1%
Germania 376 10,5%
Paesi CEE 144 -16,2%
EMEA 470 15,0%
LatAm 4 n.m.
Asia 49 29,0%
International Operations 30 -56,5%
Totale 2.978 15,2%


La produzione del Gruppo registra una crescita del 11,2% a €49.813 milioni grazie all’andamento positivo di tutte le linee di business e favorito in particolar modo dall’aumento significativo dei contratti unit linked (+43%). Mostrano uno sviluppo anche le linee risparmio (+4%) e i prodotti puro rischio e malattia (+2,5%). Molto positivo il contributo dell’Italia con una crescita superiore al 30%, spinta dall’incremento dei premi unici (+60,5%). In ripresa, grazie alle azioni intraprese sul portafoglio, anche i premi della Francia (+10%) con ottimi andamenti delle linee risparmio e della raccolta unit linked. Cresce anche il business nei Paesi EMEA (+21,1%) mentre, a seguito della pianificata riduzione dei premi unici (-25,9%) legata all’attuale contesto di tassi bassi di interesse, la Germania ha mostrato una contrazione dei premi (-8,8%). Si registra anche un ottimo andamento nei paesi delle aree LatAm (+26,6%), Asia (+19,1%) e delle International Operations (+11,4%).

La nuova produzione in termini di APE segna una crescita notevole rispetto all’anno precedente (+14,2%), trainata sostanzialmente dai premi unici (+27,2%), e con l’ottimo andamento in Italia (+62,4%) e Francia (+17,8%). Il valore della nuova produzione (NBV) sale a €1.239 milioni (+33,7%) con una migliore redditività grazie a margini (NBM) al 24% (21% nel 2013).

La raccolta netta Vita – pari alla differenza tra premi incassati e pagamenti – è in sensibile aumento a €12.747 milioni grazie al buon andamento dei premi.

SEGMENTO DANNI: RISULTATO OPERATIVO IN FORTE CRESCITA (+13,1%); ULTERIORE MIGLIORAMENTO DEL COMBINED RATIO A 93,8%

  • La redditività tecnica sale in tutti i principali mercati del Gruppo. Paesi CEE si confermano per miglior cor al 87,7%
  • Premi stabili a 20,6 mld (+0,2%). Buona performance in Germania e nei paesi CEE

Il segmento danni si conferma per l’elevata redditività del business con un risultato operativo in crescita (+13,1%) a €1.831 milioni (€1.619 FY13), grazie soprattutto all’andamento del risultato tecnico.

Segmento Danni – Risultato operativo e CoR
€ mln Risultato operativo CoR
  31/12/2014 Δ 31/12/2014 Δ
Italia 720 +20,8% 89,2% -3,2 pp
Francia 32 n,m, 104,9% -0,6 pp
Germania 366 +25,2% 92,6% -3,1 pp
Paesi CEE 239 +1,1% 87,7% -1,0 pp
EMEA 402 +7,8% 95,5% -0,3 pp
LatAm -65 n,m, 113,3% +12,4 pp
Asia 3 n,m, 97,6% -22,4 pp
International Operations 133 +92,6% 83,8% -6,9 pp
Totale 1.831 +13,1% 93,8% -1,9 pp

Il combined ratio (cor) migliora ulteriormente a 93,8% (-1,9 p.p.) grazie al calo del loss ratio (66,7% -1,8 p.p.) e alla stabilità dell’expense ratio (27,1% -0.1 p.p.). Il cor migliora in tutti i principali mercati del Gruppo. In Italia è calato di 3,2 p.p. a 89,2% (92,4% FY13) beneficiando del positivo andamento della sinistralità non catastrofale. Anche in Germania la redditività tecnica aumenta significativamente con un cor al 92,6% (-3,1 p.p.), grazie al minor peso dei sinistri catastrofali; positivo anche l’andamento in Francia (-0,6 p.p.). Per quanto riguarda i Paesi CEE, il cor a 87,7% (-1 p.p.) si conferma ancora il migliore a livello di Gruppo.

Anche in presenza di un contesto macroeconomico ancora difficile in molti mercati, la produzione del segmento si conferma stabile a €20.617 milioni (+0,2%); in lieve aumento il comparto Auto (+0,8%) grazie al buon andamento registrato in Germania e in LatAm. Nel settore Non Auto si registra il positivo andamento della linea Aziende (+1,7%) che compensa la flessione dei prodotti Infortuni e Malattia (-1,2%).
Per quanto riguarda i principali mercati del Gruppo, in Italia la raccolta mostra una leggera flessione (-2,9%) a seguito della stagnante congiuntura economica. Il contesto pesa in particolare sul comparto Auto (-4,9%). Ottima la performance registrata in Germania (+3,3%) grazie al buon andamento di entrambi i comparti Auto e Non Auto. In flessione l’andamento della produzione in Francia (-6,5%) mentre segnano uno sviluppo dell’1,3% i premi emessi nei Paesi CEE, con progressi sia nel settore Auto (+2,5%) che Non Auto (+0,8%).

SEGMENTO HOLDING E ALTRE ATTIVITA’

Il segmento “Holding e altre attività” contiene le attività esercitate dalle compagnie del Gruppo nel settore dei promotori finanziari e del risparmio gestito, i costi sostenuti nell’attività di direzione e coordinamento e di finanziamento del business, nonché  ulteriori attività che il Gruppo considera accessorie rispetto alle attività core assicurative.

Positivo l’apporto del segmento finanziario che registra un risultato operativo in incremento dell’8,9%, attestandosi a € 374 milioni (€ 343 milioni FY13) grazie al contributo di Banca Generali. La crescita del segmento finanziario è principalmente ascrivibile al risultato netto della gestione finanziaria, che ha beneficiato di maggiori commissioni nette. Complessivamente il risultato operativo del segmento “Holding e altre attività” si attesta a €-5 milioni. L’andamento è stato determinato in particolare dall’incremento dei costi operativi di holding relativi a investimenti in alcuni progetti di Head Office per il potenziamento IT, per la transizione nel nuovo regime di Solvency e a seguito della riclassificazione di un investimento immobiliare dal risultato non operativo all’operativo.

Outlook

L’industria assicurativa sta attraversando una fase senza precedenti, caratterizzata da tassi di interesse mai così bassi, regole sempre più stringenti per la distribuzione, dall’implementazione della direttiva Solvency 2 e un mercato danni ancora debole. Negli ultimi due anni il Gruppo ha ristabilito una solida posizione finanziaria e ha avviato una serie di iniziative nell’ambito del programma di eccellenza tecnica e operativa per offrire un miglior servizio ai propri clienti e aumentarne la fidelizzazione.

Alla luce delle azioni intraprese, pur in presenza di un quadro macro-economico ancora incerto, Generali prevede per il 2015 di rafforzare i livelli di performance operativa raggiunti nel 2014. Il Gruppo presenterà la strategia per la sua nuova fase di sviluppo all’Investor Day, a Londra, il prossimo 27 maggio.

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI 2015

Il Consiglio di Amministrazione ha convocato l’Assemblea degli Azionisti, sia in sede ordinaria che straordinaria, per i giorni 28-29-30 aprile 2015.

In sede ordinaria, l’Assemblea delibererà su:

  • L’approvazione del bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2014, la destinazione dell’utile di esercizio e la distribuzione del dividendo;
  • La nomina di un componente del Consiglio di Amministrazione;
  • La relazione sulla remunerazione;
  • L’approvazione del Long Term Incentive di Gruppo (LTI) 2015;
  • L’autorizzazione all’acquisto di azioni proprie ed al compimento di atti di disposizione sulle medesime al servizio del Long Term Incentive di Gruppo (LTI) 2015;

In sede straordinaria, l’Assemblea delibererà sulla proposta di delega, ai sensi dell’art. 2443 c.c., al Consiglio di Amministrazione di aumentare, in via gratuita e scindibile, al servizio del Long Term Incentive Plan, il capitale sociale fino ad un massimo di €8milioni, per un periodo di 5 anni dalla data dell’assemblea. Si segnala che, alla data odierna, la Società e le sue controllate hanno in portafoglio n. 442.166 azioni Generali, pari allo 0,028% del capitale sociale della Società. Inoltre, sempre in sede straordinaria, l’Assemblea delibererà, a fronte delle variazioni registrate al 31 dicembre 2014, come rappresentate nel progetto di bilancio d’esercizio, di apportare alcune variazioni al testo dell’art. 9.1 dello statuto sociale.

Il testo integrale delle proposte di deliberazione e delle relazioni del Consiglio di Amministrazione relative agli argomenti all’ordine del giorno e tutta la relativa documentazione sarà resa disponibile, secondo i  termini e le modalità indicate dalla legge, presso la sede legale della Società, nonché sul sito internet della Società www.generali.com e su quello di Borsa Italiana Spa ( www.borsaitaliana.it).

Il Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Alberto Minali, dichiara ai sensi del comma 2 dell’articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.

IL GRUPPO GENERALI

Il Gruppo Generali è uno tra i maggiori assicuratori globali con una raccolta premi complessiva superiore a €70 miliardi nel 2014. Con 78.000 collaboratori nel mondo al servizio di 65 milioni di clienti in oltre 60 Paesi, il Gruppo occupa una posizione di leadership nei Paesi dell’Europa Occidentale ed una presenza sempre più significativa nei mercati dell’Europa Centro-orientale ed in quelli asiatici.

NOTA AI REDATTORI

Dalle ore 7:30 i seguenti documenti sono disponibili su www.generali.com: comunicato stampa, video pre-registrato con relativa trascrizione, presentazione per gli analisti, bilancio annuale e gli altri documenti finanziari.

Alle ore 12:00 si terrà la Analyst Call alla quale parteciperanno il Group CEO Mario Greco e il Group CFO Alberto Minali.

I giornalisti possono seguire l’evento collegandosi al numero +39 02 3600 9869 (modalità solo ascolto).

L’app corporate di Generali offre il più recente pacchetto di informazioni istituzionali ottimizzate per gli apparecchi mobili. L’app è scaricabile gratuitamente dagli store di Apple e Android.

¹ Le variazioni dei premi, raccolta netta e APE sono a termini omogenei (a parità di cambi e area di consolidamento). Le variazioni nei risultati operativi e investimenti propri escludono le entità cedute dal periodo comparativo.
² Pro Forma calcolando anche la dismissione di BSI.

Allegati

STATO PATRIMONIALE
 

(in milioni di euro) 31/12/2014 31/12/2013
1 ATTIVITÀ IMMATERIALI 8.601 9.352
   1.1 Avviamento 6.617 7.163
   1.2 Altre attività immateriali 1.983 2.189
2 ATTIVITÀ MATERIALI 4.610 4.786
   2.1 Immobili ad uso proprio 2.797 2.879
   2.2 Altre attività materiali 1.814 1.907
3 RISERVE TECNICHE A CARICO DEI RIASSICURATORI 4.378 4.875
4 INVESTIMENTI 427.191 384.645
   4.1 Investimenti immobiliari 12.628 12.828
   4.2 Partecipazioni in controllate, collegate e  joint venture 1.284 1.407
   4.3 Investimenti posseduti sino alla scadenza 2.940 4.115
   4.4 Finanziamenti e crediti 50.780 63.371
   4.5 Attività finanziarie disponibili per la vendita 276.498 230.031
   4.6 Attività finanziarie a fair value rilevato a conto economico 83.061 72.893
   di cui attività relative a contratti emessi allorché il rischio dell'investimento è   sopportato dalla clientela e derivanti dalla gestione dei fondi pensione 67.707 59.116
5 CREDITI DIVERSI 12.057 10.915
   5.1 Crediti derivanti da operazioni di assicurazione diretta 7.462 7.584
   5.2 Crediti derivanti da operazioni di riassicurazione 1.143 1.082
   5.3 Altri crediti 3.452 2.249
6 ALTRI ELEMENTI DELL'ATTIVO 35.973 15.651
   6.1 Attività non correnti o di un gruppo in dismissione possedute per la vendita 21.304 653
   6.2 Costi di acquisizione differiti 1.958 1.957
   6.3 Attività fiscali differite 2.715 2.807
   6.4 Attività fiscali correnti 2.825 2.866
   6.5 Altre attività 7.172 7.368
7 DISPONIBILITÀ LIQUIDE E MEZZI EQUIVALENTI 8.508 19.431
TOTALE ATTIVITÀ 501.318 449.656

 

(in milioni di euro) 31/12/2014 31/12/2013
1 PATRIMONIO NETTO 24.185 21.404
 1.1 di pertinenza del gruppo 23.204 19.778
   1.1.1 Capitale 1.557 1.557
   1.1.2 Altri strumenti patrimoniali 0 0
   1.1.3 Riserve di capitale 7.098 7.098
   1.1.4 Riserve di utili e altre riserve patrimoniali 7.571 7.276
   1.1.5 (Azioni proprie) -8 -11
   1.1.6 Riserva per differenze di cambio nette -239 -252
   1.1.7 Utili o perdite su attività finanziarie disponibili per la vendita 6.498 2.501
   1.1.8 Altri utili o perdite rilevati direttamente nel patrimonio -943 -306
   1.1.9 Utile (perdita) del periodo di pertinenza del gruppo 1.670 1.915
 1.2 di pertinenza di terzi 981 1.627
   1.2.1 Capitale e riserve di terzi 706 1.434
   1.2.2 Utili o perdite rilevati direttamente nel patrimonio 93 -34
   1.2.3 Utile (perdita) di pertinenza di terzi 182 227
2 ACCANTONAMENTI 1.751 1.768
3 RISERVE TECNICHE 386.202 345.752
   di cui riserve tecniche relative a polizze dove il rischio è sopportato dalla clientela e derivanti dalla gestione dei fondi pensione 51.674 45.809
4 PASSIVITÀ FINANZIARIE 48.794 62.016
   4.1 Passività finanziarie a fair value rilevato a conto economico 18.374 16.084
   di cui passività relative a contratti emessi allorché il rischio dell'investimento è sopportato dalla clientela e derivanti dalla gestione dei fondi pensione 15.886 13.227
   4.2 Altre passività finanziarie 30.420 45.932
   di cui passività subordinate 8.315 7.612
5 DEBITI 9.379 8.129
   5.1 Debiti derivanti da operazioni di assicurazione diretta 3.553 3.190
   5.2 Debiti derivanti da operazioni di riassicurazione 557 572
   5.3 Altri debiti 5.270 4.367
6 ALTRI ELEMENTI DEL PASSIVO 31.007 10.586
   6.1 Passività di un gruppo in dismissione posseduto per la vendita 19.700 648
   6.2 Passività fiscali differite 3.706 2.338
   6.3 Passività fiscali correnti 1.420 1.607
   6.4 Altre passività 6.181 5.993
TOTALE PATRIMONIO NETTO E PASSIVITÀ 501.318 449.656


CONTO ECONOMICO

(in milioni di euro) 31/12/2014 31/12/2013
1.1 Premi netti di competenza 64.322 60.622
   1.1.1 Premi lordi di competenza 66.324 62.913
   1.1.2 Premi ceduti in riassicurazione di competenza -2.003 -2.290
   1.2 Commissioni attive 967 872
   1.3 Proventi e oneri derivanti da strumenti finanziari a fair value rilevato a conto economico 3.510 4.611
   di cui proventi e oneri derivanti da strumenti finanziari relativi a contratti emessi allorché il rischio dell'investimento è sopportato dalla clientela e derivanti dalla gestione dei fondi pensione 3.293 4.103
   1.4 Proventi derivanti da partecipazioni in controllate, collegate e joint venture 192 181
   1.5 Proventi derivanti da altri strumenti finanziari e investimenti immobiliari 15.991 15.374
   1.5.1 Interessi attivi 9.919 9.828
   1.5.2 Altri proventi 2.117 1.882
   1.5.3 Utili realizzati 3.761 3.455
   1.5.4 Utili da valutazione 194 208
   1.6 Altri ricavi 3.301 2.246
1 TOTALE RICAVI E PROVENTI 88.282 83.905
2.1 Oneri netti relativi ai sinistri -67.003 -63.101
   2.1.1 Importi pagati e variazione delle riserve tecniche -68.280 -64.527
   2.1.2 Quote a carico dei riassicuratori 1.276 1.425
2.2 Commissioni passive -470 -468
2.3 Oneri derivanti da partecipazioni in controllate, collegate e joint venture -68 -294
2.4 Oneri derivanti da altri strumenti finanziari e investimenti immobiliari -3.461 -3.222
   2.4.1 Interessi passivi -1.298 -1.355
   2.4.2 Altri oneri -421 -444
   2.4.3 Perdite realizzate -435 -475
   2.4.4 Perdite da valutazione -1.307 -949
   2.5 Spese di gestione -10.489 -10.518
2.5.1 Provvigioni e altre spese di acquisizione -7.884 -7.963
2.5.2 Spese di gestione degli investimenti -103 -75
2.5.3 Altre spese di amministrazione -2.502 -2.480
2.6 Altri costi -3.838 -3.888
2 TOTALE COSTI E ONERI -85.329 -81.492
UTILE (PERDITA) DEL PERIODO PRIMA DELLE IMPOSTE 2.953 2.413
3 Imposte -1.033 -757
UTILE (PERDITA) DEL PERIODO AL NETTO DELLE IMPOSTE 1.921 1.657
4 UTILE (PERDITA) DELLE ATTIVITA' OPERATIVE CESSATE -69 485
UTILE (PERDITA) CONSOLIDATO 1.852 2.142
   di cui di pertinenza del gruppo 1.670 1.915
   di cui di pertinenza di terzi 182 227
UTILE PER AZIONE:    
Utile per azione base (in euro) 1,07 1,24
   da attività correnti 1,13 0,80
Utile per azione diluito (in euro) 1,07 1,24
   da attività correnti 1,13 0,80

Download

Risultati consolidati al 31 dicembre 2014 - Comunicato stampa 732 kb