Generali SpA

Benvenuti nel Gruppo Generali
Seleziona il tuo paese

Dove siamo
                           

Generali annuncia la conclusione con successo del collocamento di 15,5 milioni di azioni proprie per €217 milioni

Questo comunicato stampa e ogni informazione in esso contenuta non possono essere pubblicati o distribuiti, direttamente o indirettamente, in tutto o in parte, in o negli Stati Uniti, Canada, Sud Africa, Australia, Giappone, a persone così dette “U.S. persons” (come definite nell’U.S. Securities Act del 1933), o in qualsiasi giurisdizione in cui qualunque pubblicazione o distribuzione di tale tipo sarebbe vietata dalla legge applicabile.

Generali annuncia la conclusione con successo del collocamento di 15,5 milioni azioni proprie per €217 milioni

Trieste – Assicurazioni Generali annuncia la conclusione con successo del collocamento ad investitori istituzionali di 15.535.601 azioni proprie, pari a circa l’1% del capitale azionario, ad un prezzo di €13,95 per azione, in seguito ad un processo di bookbuilding accelerato. Il trasferimento delle azioni e il pagamento del corrispettivo avverranno il prossimo 15 luglio 2013.

Il corrispettivo lordo del collocamento, pari a circa €216,7 milioni, si tradurrà in un aumento dell’indice di Solvency I del Gruppo di 1,2 punti percentuali.

La transazione conferma l’approccio disciplinato di Generali nella gestione del capitale e l’uso efficiente del patrimonio ed è a supporto dell’operazione annunciata ieri per l’acquisizione del pieno controllo di Generali Deutschland Holding.

Altri termini e condizioni per il collocamento sono stati convenuti secondo gli standard di mercato.
BNP Paribas, Morgan Stanley e UBS Investment Bank hanno operato come Joint Global Coordinators e Joint Bookrunners per il collocamento.

Questa comunicazione ha fini esclusivamente informativi e non costituisce un’offerta di vendita, o la sollecitazione di una offerta di acquisto, di strumenti finanziari. L’offerta e la vendita degli strumenti finanziari citati nella presente comunicazione non è stata, né verrà, registrata ai sensi del U.S. Securities Act del 1933 e gli strumenti finanziari non possono essere offerti o venduti negli Stati Uniti in assenza di una tale registrazione o di un’esenzione applicabile dall’obbligo di registrazione. Non sarà effettuata alcuna offerta pubblica di strumenti finanziari negli Stati Uniti in relazione a questa operazione, né alcuna offerta al pubblico di strumenti finanziari in Italia (né è stata o sarà effettuata alcuna comunicazione alla Consob) in quanto la procedura di accelerated bookbuilt offering è riservata esclusivamente a “investitori qualificati” (come definiti nel Regolamento Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, così come successivamente modificato). Non sarà effettuata alcuna vendita di tali strumenti finanziari in alcuno Stato o giurisdizione in cui una tale offerta o vendita sarebbe illegale. Nessuna azione è stata o sarà intrapresa al fine di consentire un’offerta al pubblico avente ad oggetto gli strumenti finanziari in alcuna giurisdizione, compresa l’Italia. Negli Stati membri dello Spazio economico europeo (“SEE”) che hanno dato attuazione alla Direttiva Prospetto (ciascuno, uno “Stato Membro Rilevante”), la presente comunicazione e qualsiasi offerta se effettuata successivamente è rivolta esclusivamente a soggetti che sono “investitori qualificati” ai sensi della Direttiva Prospetto. Ai presenti fini, con l’espressione “Direttiva Prospetto” si intende la direttiva 2003/71/CE (e le successive modifiche alla stessa, compresa la Direttiva di Modifica del 2010, nella misura in cui tali modifiche siano state attuate in uno Stato Membro Rilevante), e comprende ogni relativo atto di implementazione nello Stato Membro Rilevante, e con l’espressione “Direttiva di Modifica del 2010” si intende la direttiva 2010/73/UE. BNP Paribas, Morgan Stanley & Co. International plc e UBS Limited (le "Banche") agiscono per conto delle societa' del Gruppo Generali e nessun altro in relazione al collocamento e non saranno responsabili nei confronti di alcun altro soggetto per fornire le protezioni garantite ad alcuno dei loro clienti o per fornire assistenza in relazione al collocamento. Le Banche non tratteranno alcun altro soggetto come loro cliente in relazione al collocamento.
Ciascuna delle Banche e delle loro affiliate possono partecipare al collocamento in conto proprio.

Download

Generali annuncia la conclusione con successo del collocamento di 15,5 milioni di azioni proprie per €217 milioni 132 kb