Generali SpA

Benvenuti nel Gruppo Generali
Seleziona il tuo paese

Dove siamo
                           

Strategia

La nostra strategia si è basata su: disciplina, semplicità e focus sul core business. Oggi è il momento di guardare avanti e di concentrare la nostra attenzione su mercati, business e prodotti per conquistare la leadership in Europa nell’ambito retail.

Siamo partiti dai nostri punti di forza per sviluppare una strategia basata su 6 pilastri volta all’aumento della profittabilità e alla massimizzazione della generazione di valore impostata su tre cardini fondamentali: disciplina, semplicità e focus sul core business, ovvero sull’attività di assicurazione. Assimilate queste direttrici, oggi è il momento di guardare avanti e di concentrare la nostra attenzione su mercati, business e prodotti.

1. Cosa facciamo

Generali è tra i leader del settore assicurativo a livello internazionale

 

2. Come lo facciamo

Generali mette il cliente al centro e si avvale dell'innovazione tecnologica per conoscerlo e soddisfarlo
 

3. Dove lo facciamo

Generali ha il proprio baricentro in Europa con alcune punte di eccellenza nei Paesi Emergenti

 

1. Cosa facciamo

Generali è tra i leader del settore assicurativo a livello internazionale

 

Vogliamo avere la migliore offerta sul mercato nelle soluzioni assicurative, costruire un rapporto di fiducia con i clienti, sia privati sia imprese, e proporci come partner di riferimento in ogni esigenza assicurativa e di risparmio dei clienti.

 

Vogliamo creare valore, nonostante l’attuale scenario di stagnazione e di bassi rendimenti, grazie all’eccellenza e all’efficienza della nostra proposta, mantenendo in ogni caso l’agilità necessaria per affrontare un mondo in costante cambiamento.

 

Vogliamo infine raggiungere i nostri clienti dovunque si trovino attraverso la nostra rete di vendita multicanale.

 

Le parole chiave per i prossimi anni saranno: business, mercati e prodotti. Riteniamo che questo sia l’approccio giusto per avviare, chiusa la ristrutturazione del gruppo, il nostro secondo capitolo all’insegna della crescita del fatturato, della redditività, della generazione di cassa e della retribuzione per gli azionisti.

2. Come lo facciamo

Generali mette il cliente al centro

La nostra strategia è semplice e chiara: mettiamo il cliente al centro di qualsiasi iniziativa, all’interno della costruzione di un progetto di fiducia e all’insegna della responsabilità, sostenibilità e trasparenza. 

Crediamo che l’essere una società cliente-centrica significhi focalizzarsi sulle soluzioni assicurative, sui canali di vendita e l’operatività mantenendo sempre il cliente al centro dell’attenzione.

Crediamo che la fidelizzazione del cliente porti alla creazione di valore nel lungo termine, anche grazie alle opportunità di cross-selling. Puntiamo ad acquisire nuovi clienti con una particolare attenzione ai segmenti retail e affluent (benestanti) viste le loro dimensioni e le loro prospettive di espansione sia nei mercati maturi che emergenti.

Crediamo che uno dei fattori chiave del nostro successo sia la creazione di soluzioni integrate per ogni ciclo di vita del cliente. Per questo ci proponiamo di acquisire una conoscenza più ampia dei clienti per poter valutare al meglio le loro specifiche esigenze e sviluppare le soluzioni più appropriate.

Crediamo che l’innovazione e gli investimenti in tecnologia ci aiuteranno a migliorare la relazione con il cliente e le sue necessità, a fidelizzarlo, ad acquisire nuovi rapporti e, in ultimo, a creare valore. Per questo intendiamo rafforzare la nostra piattaforma operativa, aumentando la presenza sui diversi dispositivi e sfruttando gli strumenti di analisi dei dati che garantiscono una più elevata efficienza tecnica. Per questo la valutazione del cliente diventa sempre più rilevante e necessita di un approccio dedicato su cui stiamo investendo molto (si veda il progetto Net Promoter Score).

3. Dove lo facciamo

Generali ha il proprio baricentro in Europa con alcune punte di eccellenza nei Paesi emergenti

Abbiamo voluto mettere a punto negli ultimi anni una vera e propria razionalizzazione del “footprint geografico” attraverso dismissioni di attività non più ritenute strategiche (che hanno generato una cassa complessiva di 4 miliardi) e, contemporaneamente investimenti puntuali che ci hanno consentito l’ingresso in Paesi che riteniamo particolarmente interessanti e l’acquisizione del pieno controllo in società in cui non lo detenevamo.

Abbiamo deciso di rafforzarci Italia, Francia, Germania ed Europa dell’Est che sono i nostri mercati di riferimento, Paesi, dove abbiamo raggiunto importanti quote di mercato, per crescere in volumi, attraverso tecnologia e cross selling, oltre che in profittabilità grazie all’economia di scala raggiunta e al vantaggio competitivo.

Abbiamo anche deciso di avere punte di eccellenza in alcuni dei mercati emergenti a più elevate prospettive di sviluppo.